Piccoli amici e primi calci: partite semplificate

Piccoli amici e primi calci: partite semplificate

Alcuni suggerimenti, da campo e organizzativi, per partire con il piede giusto nelle categorie dell’attività di base. A queste seguono più di 50 proposte pratiche curate dai nostri esperti per Piccoli Amici, Primi Calci, Pulcini ed Esordienti, oltre a un approfondimento di Lorenzo Di Iorio sui giovanissimi portieri.

CONSIGLI PER GLI ALLENATORI
1 Nelle partite semplificate è importante valutare le dimensioni del campo in base alle capacità dei giocatori. Si ricorda, in linea generale, che spazi più stretti stimolano il contatto con l’attrezzo, mentre quelli più ampi ermettono un gioco meno “pressante”.
2 È indispensabile preparare più campi in modo da far giocare contemporaneamente più calciatori.
3 Cambiare le squadre dopo un determinato numero di partite.
4 Dare sempre un minutaggio prestabilito alle proposte e comunicarlo nel corso della partita ai bambini: “Mancano 2 minuti”; “Siamo nel tempo di recupero”.
5 Queste esercitazioni ben si prestano all’organizzazione di tornei interni, attività stimolante e molto gradita dai piccoli. Si ricorda che ogni squadra può prendere un nome di fantasia deciso dai bambini.

1>1 + jolly e meta
In un campo rettangolare di dimensioni variabili, tre giocatori si sfidano in un 1>1 + jolly con l’obiettivo di conquistare la meta alle spalle dell’avversario. Il calciatore in possesso può scegliere se giocare con il jolly o superare da solo l’oppositore. L’elemento che ottiene la meta e il punto diventa jolly (figura 1). Variante: inserire delle porticine al posto della linea di meta dove segnare.

Scopri di più sul numero di settembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Le situazioni

1>1 bandiera Si dividono i bambini in due squadre come da figura 1 e si assegna loro un numero (da 1 a 5 nel nostro caso). Il consiglio, in linea di massima, è quello di non superare i 5 giocatori per squadra in modo da ridurre i tempi di attesa; in alternativa si può creare […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

Gli obiettivi della categoria

Quali finalità perseguire e come farlo coi bambini di 8-11 anni. L’importanza delgioco, dei contesti situazionali e della coordinazione; con l’apprendimento tecnicoche deve essere perfezionato e consolidato. La categoria maggiormente rappresentata in termini di soggetti praticanti, nel modo del calcio, è quasi sicuramente quella dei Pulcini e di conseguenza è proprio quella in cui troviamo […]