Impariamo dagli altri sport

Impariamo dagli altri sport

La variabilità della pratica sportiva, in particolar modo coi più piccoli, garantisce l’apprendimento di diversi schemi motori e abilità. Quali esercitazioni mutuare dalle altre discipline.

Avete mai pensato a quale sia il vero obiettivo dell’avviamento allo sport? E di conseguenza se quello che proponiamo è effettivamente il modo più efficace per costruire un bagaglio motorio di base ricco e funzionale? Perché alla fine queste sono le vere finalità di chi lavora in tale ambito coi bambini. Detto ciò, è chiaro come tutto il mondo degli apprendimenti sportivi, quindi anche calcistici, che conduce al pieno sviluppo dell’intelligenza motoria, giri intorno a una parola: transfer.

La TranSportAbility, dunque, implica la variabilità della pratica sportiva al fine di valorizzare l’aspetto formativo delle attività motorie, rimarcando l’importanza dell’apprendimento attraverso il “fare”, giocando e divertendosi. Lo scopo di questo tipo di programmazione è quello di realizzare un’attività che tenga conto delle esigenze fisiche, psicologiche e relazionali proprie dell’età evolutiva, che consenta il raggiungimento di una maestria motoria da intendersi come: sicurezza di sé, conseguimento di un’abilità sportiva e una capacità sociale, padronanza del proprio corpo con proposte che, a livello coordinativo, saranno indirizzate sul miglioramento delle condotte motorie primarie (correre, saltare, lanciare…) e secondarie (più specifiche della disciplina calcistica, cioè condurre, tirare, passare, orientarsi, controllare…).

Scopri di più sul numero di ottobre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]