Esordienti, il warm-up prepartita

Esordienti, il warm-up prepartita

Come organizzare questo momento prima di un incontro per avere tutti i benefici del caso coi ragazzi di 11-12 anni.

Il riscaldamento prima della gara ha un ruolo decisivo nel preparare l’organismo all’attività e nella prevenzione degli infortuni. Ma non solo. Nelle ultime categorie dell’attività di base è un utile strumento didattico nelle mani dell’istruttore. Se ben condotto, può aiutare i nostri giocatori o le nostre giocatrici a mettere in moto tutti e quattro i fattori della prestazione: tecnico-tattico, fisico- atletico, psicologico e sociale.

Un po’ di fisiologia
Qualche semplice concetto di fisiologia dell’esercizio ci tornerà utile per disegnare il nostro riscaldamento. In Formula 1, il giro di ricognizione permette ai piloti di aumentare la temperatura delle gomme, così che quando inizia la gara queste abbiano più tenuta sull’asfalto, cosa che sarebbe altrimenti difficoltosa con gli pneumatici “freddi”. In modo analogo, soprattutto a partire dalla categoria Esordienti, una partenza improvvisa aumenta il rischio di infortuni, specialmente a carico di muscoli e legamenti. Tale pericolo si può prevenire con un’attivazione graduale, che consente allo stesso tempo di innalzare la temperatura corporea, la ventilazione e la frequenza cardiaca. Il primo principio che ci deve guidare, quindi, è quello della gradualità.

È buona norma infatti terminare il riscaldamento con qualche minuto ad alta intensità, anche superiore a quella della gara, ancor meglio se si prevedono situazioni in cui i giocatori lavorano sull’agility (veloci cambi di direzione e controllo dell’equilibrio) e sulla rapidità: queste proposte hanno un effetto positivo sul fronte preventivo.

Scopri di più sul numero di ottobre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]