11 indicazioni per un’ottima annata

11 indicazioni per un’ottima annata

Approfondimento attività di base – L’inizio stagione

Alcuni suggerimenti, da campo e organizzativi, per partire con il piede giusto nelle categorie dell’attività di base. A queste seguono più di 50 proposte pratiche curate dai nostri esperti per Piccoli Amici, Primi Calci, Pulcini ed Esordienti, oltre a un approfondimento di Lorenzo Di Iorio sui giovanissimi portieri.

1. Organizzare un contesto societario che favorisca l’apprendimento dei bambini. Ancora prima di andare sul campo, è fondamentale ricordare che tutte le fortune di una squadra, di un allenatore, di un giovane calciatore… passano dalla società. Un club che abbia ben chiari gli obiettivi da raggiungere, con dirigenti e responsabili competenti, ma soprattutto che sappiano creare un contesto di apprendimento positivo e un ambiente sereno e piacevole, farà sicuramente la differenza. Detto questo, ogni istruttore – a prescindere da dove lavora – può, anzi deve contribuire a questo, cercando di instaurare il rapporto ideale coi colleghi, impostare un lavoro comune, condiviso, con delle “regole” funzionali alla crescita dei giocatori.

2. Il protagonista di tutto è il bambino! È fondamentale tenerlo presente fin da subito. Le sue esigenze, la sua “individualità” (ogni piccolo calciatore è diverso dall’altro), il suo saper fare di partenza devono essere le basi su cui pianificare il proprio intervento. Un intervento che deve avere come riferimento la sperimentazione di azioni e comportamenti nuovi, il divertimento, l’impegno e la costanza nell’impegno stesso. Il calcio, quindi, deve diventare lo strumento per far passare messaggi e indicazioni a più ampio spettro, che torneranno utili nella vita di tutti i giorni. E questo partendo fin dai più piccoli.

Scopri di più sul numero di settembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]