Dimmi quando ti alleni e ti dirò come alimentarti

Dimmi quando ti alleni e ti dirò come alimentarti

È importante per l’organizzazione del pasto anche il momento della giornata in cui ci si allena.

Attivi appena svegli?
Il consiglio è suddividere la colazione in due momenti: prima di partire un caffè e 2-3 biscotti secchi se l’allenamento è impegnativo; al rientro una bevanda reidratante come il tè e yogurt con fiocchi d’avena; in alternativa una frittata di albumi con pane integrale, nero oppure con muesli d’avena. In sostituzione dell’uovo possono andare bene anche ricotta, prosciutto crudo magro o salmone affumicato.

La pausa pranzo è il momento migliore?
Colazione completa, spuntino/pranzo circa due ore prima dell’attività fisica con un panino con verdure grigliate e prosciutto crudo, bresaola o carne bianca ai ferri e dopo l’allenamento un frutto ricco di vitamina C (arance, pompelmo, mandarini, kiwi) e uno yogurt bianco, frutta secca o un cubetto di parmigiano. In alternativa, è possibile consumare il pranzo entro 30 minuti dalla fine del training per sfruttare al massimo la finestra anabolica.

L’allenamento è nelle ore serali?
Modificare la merenda con pane integrale e marmellata con aggiunta di ricotta o prosciutto e a cena proteine magre con carboidrati anche a veloce assorbimento e verdure.

Quali sono gli alleati più preziosi?
Le vitamine principali che aiutano il sistema immunitario devono essere introdotte con gli alimenti, in quanto il nostro organismo non è in grado di produrle. La vitamina A (carote, zucca, cavolfiore, broccoli, verza, tuorlo dell’uovo) contribuisce al corretto funzionamento del sistema immunitario e protegge la pelle.

La vitamina C (agrumi, verdura rossa arancione, kiwi, frutti di bosco, melograno, barbabietole rosse) è un potente antiossidante e incentiva l’assorbimento del ferro presente negli alimenti. Per questo è consigliato consumare carne bianca o rossa come anche il pesce, accompagnati con limone, una spremuta, un kiwi, spinaci o lenticchie cotte con pomodoro.

La vitamina E (olio extravergine di oliva, noci, mandorle, pinoli) ha una funzione antiossidante e protegge le cellule da eventuali danni da radicali. Le vitamine del gruppo B (cereali integrali, uova, carne rossa, pesce) stimolano la produzione di cellule immunitarie e coadiuvano il corretto funzionamento del sistema nervoso, riducendo il senso di stanchezza e affaticamento.

La vitamina B12, in particolare, è contenuta solo in prodotti di origine animale, quindi in soggetti che seguono una dieta vegana può essere necessaria una supplementazione. I minerali collaborano con le vitamine per rafforzare le difese dell’organismo.

Lo zinco è collegato a tutte le attività del sistema immunitario e una sua carenza può provocare una diminuzione delle cellule immunitarie. Dove si trova? In funghi, cereali integrali, aringhe, uova, latte, carne, fegato e fiocchi d’avena.

Il selenio ha un’attività simile a quella della vitamina E e la loro sinergia amplifica gli effetti positivi (funghi, riso integrale, tuorlo d’uovo, carne, fegato, sardine, sogliole, ostriche, parmigiano).

Il ferro è alla base nella sintesi di emoglobina che trasporta ossigeno ai tessuti e le cellule del sistema immunitario ne hanno un particolare fabbisogno (è presente in carne rossa, lenticchie, noci, carciofi, spinaci).

Il magnesio è coinvolto nella sintesi delle proteine, nel metabolismo dei grassi, nella regolazione della glicemia; ha la capacità di rilassare il sistema nervoso e ha un effetto distensivo sui muscoli (si trova in verdure, noci, cioccolato fondente, cacao, cereali integrali).

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]

Professione match analyst

Quello del match analyst è un “mestiere” in forte ascesa e che richiede COMPETENZE TRASVERSALI. Per questo motivo, abbiamo pensato ad alcuni articoli curati da un professionista come Filippo Lorenzon, che presenteranno i compiti e le conoscenze indispensabili del ruolo, oltre ad analizzare l’organizzazione tattica dei club europei e italiani più importanti.