SAI COSA VUOL DIRE… ALLENAMENTO PROPRIOCETTIVO?

SAI COSA VUOL DIRE… ALLENAMENTO PROPRIOCETTIVO?

La maggior parte delle situazioni di gioco sono caratterizzate da continue sollecitazioni, che impongono al calciatore di transitare incessantemente da una condizione di disequilibrio a una di equilibrio e viceversa (ad esempio nell’1>1, nei cambi di direzione, negli stacchi monopodalici, nei tiri al volo, nella ripresa della posizione dopo una caduta…).

Ciò che è importante, dunque, non è la capacità di conservare l’equilibrio, ma di saperlo ritrovare ogni volta. Tale capacità è determinata principalmente dalla discriminazione propriocettiva, di cui si parlò per la prima volta agli inizi del 1900, per indicare l’insieme di segnali provenienti dai propriocettori, la cui funzione principale è quella di informare, istante per istante, il sistema nervoso sui movimenti propri dell’organismo (Sherrington, 1906).

Gli esercizi di propriocettiva hanno lo scopo di sollecitare i recettori articolari, tendinei muscolari e cutanei, e le strutture vestibolari dell’orecchio interno, in sinergia con le informazioni visive.

Per gestire le informazioni provenienti dall’ambiente circostante il sistema nervoso mette in atto strategie differenti e, quindi, per una buona attività di prevenzione – e non solo – è essenziale stimolare le diverse submodalità propriocettive. In che modo? In genere vengono usati accorgimenti e attrezzi che provocano disequilibrio, partendo dai piedi con superfici instabili (ad esempio, tavolette, bosu, skimmy). È poi necessario rendere le situazioni allenanti più dinamiche, specifiche e funzionali, introducendo il disequilibrio da ingressi diversi (ad esempio, al ginocchio, al bacino, al busto, alle spalle…) e rendendo le esercitazioni imprevedibili, senza la possibilità di una programmazione motoria anticipata (ad esempio, cambi di direzioni, atterraggi, rotazioni).

[Se hai qualche dubbio o ti occorre qualche precisazione scrivici all’indirizzo redazionenuovocalcio@sportivi.it. Troverai la risposta sulla rivista.]

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]

Professione match analyst

Quello del match analyst è un “mestiere” in forte ascesa e che richiede COMPETENZE TRASVERSALI. Per questo motivo, abbiamo pensato ad alcuni articoli curati da un professionista come Filippo Lorenzon, che presenteranno i compiti e le conoscenze indispensabili del ruolo, oltre ad analizzare l’organizzazione tattica dei club europei e italiani più importanti.