Quasi come i professionisti

Quasi come i professionisti

L’organizzazione di una settimana con 4 sessioni permette di compiere un ottimo lavoro sul campo toccando tutti gli aspetti della performance del calciatore.

Nei campionati dilettantistici, la maggior parte delle realtà che ne fanno parte svolge, a esclusione del periodo preparatorio estivo, solitamente due o tre sedute settimanali. Assodato che la soluzione ideale per avere delle ricadute tecnico-tattiche importanti e non incorrere in

problematiche fisiche sia quella di effettuare almeno 3 sessioni, alcuni club, ormai da qualche anno, scendono in campo per prepararsi 4 o addirittura 5 volte. Inoltre, alcuni undici lo fanno nel primo pomeriggio: questo ci fa capire benissimo come i calciatori agiscano alla stregua di professionisti a tutti gli effetti. Tendenzialmente una situazione del genere si trova in Serie D e in alcune realtà di Eccellenza.

Tornando alle sedute a disposizione, con 4 training settimanali (argomento di questo articolo) non si ha l’opportunità di avere il tempo necessario per curare nel dettaglio tutte le qualità tecnico-tattiche e fisiche. In più, un microciclo con allenamenti martedì, mercoledì, giovedì e sabato mattina, ci permette di programmare e distribuire in maniera equilibrata i carichi. Il punto di partenza per le società che possono agire in tale maniera (ma non solo) è quello di cercare di adattare e “pesare” le esercitazioni tecnico-tattiche, che devono essere la parte principale, in base alle richieste condizionali specifiche che si vogliono ottenere in ogni diversa sessione. Il martedì, ad esempio, al rientro dopo la partita di campionato, è previsto un allenamento in regime aerobico; il mercoledì, invece, si può insistere su proposte specifiche di reparto e altre utili a migliorare le qualità di forza. La terza seduta, generalmente il giovedì, se non è prevista una gara amichevole, è la classica giornata dedicata alla tattica; non a contorno ma a completamento, si possono inserire esercitazioni mirate alla velocità, spesso integrate con il tiro o le deviazioni a rete. Si conclude la settimana tipo il sabato con la classica rifinitura, in cui sono provati gli ultimi accorgimenti tattici e svolte delle esercitazioni di rapidità e reattività. Analizzeremo nello specifico, quindi, come può essere composta ogni singola sessione di un microciclo con 4 allenamenti. È chiaro che quello evidenziato è unicamente un modo di agire generale, poi ogni allenatore dovrà costruire il proprio in base alla realtà in cui opera.

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]

Professione match analyst

Quello del match analyst è un “mestiere” in forte ascesa e che richiede COMPETENZE TRASVERSALI. Per questo motivo, abbiamo pensato ad alcuni articoli curati da un professionista come Filippo Lorenzon, che presenteranno i compiti e le conoscenze indispensabili del ruolo, oltre ad analizzare l’organizzazione tattica dei club europei e italiani più importanti.