Precampionato: l’allenamento fisico

Precampionato: l’allenamento fisico

Le attenzioni da avere nel periodo di inizio stagione dal punto di vista atletico con ragazzi che presentano una diversa situazione fisica tra loro. Le fasi dello sviluppo, l’allenamento metabolico, neuromuscolare e la coordinazione.

Ci si appresta a cominciare la stagione, ma quali sono gli aspetti fondamentali da tenere in considerazione? Anzitutto è bene ricordare chi abbiamo di fronte: si tratta di ragazzi e, in quanto tali, non vanno allenati emulando gli adulti. Gli adolescenti sono in una fase della loro crescita che richiede moltissime attenzioni da parte degli allenatori e dei preparatori (per quelle società che li hanno). È bene perciò rammentare quanto siano fondamentali per ciò che concerne la metodologia dell’allenamento le fasi dello sviluppo. Nella tabella qui sotto, vengono indicate le capacità coordinative, condizionali e affettivo-cognitive con le relative età sensibili, ovvero quei periodi in cui si possono migliorare in maniera considerevole.

NC ag19 tabellaA

Un altro punto da verificare, legato sempre a tale concetto, è quello relativo alla crescita del singolo. In questo momento i nostri calciatori non hanno tutti raggiunto lo stesso grado di maturazione, laddove queste parole indicano l’età biologica. È quindi conveniente identificare i nostri giovani atleti secondo l’andamento della loro crescita; uno strumento utile e semplice per un’analisi è il BMI, un indice calcolato mediante la misurazione del peso e dell’altezza, che fornisce indicazioni relative al rapporto peso/altezza e, di conseguenza, la tipologia di soggetto (nor- mopeso, sottopeso, sovrappeso) e la corrispondente maturazione. Per avere ulteriori indicazioni riguardanti il giovane atleta è consigliato somministrare anche un test sulla flessibilità (ad esempio il Sit&Reach) e una valutazione funzionale per indagare la presenza di eventuali patologie, che, in questa fase, rischiano di essere abbastanza ricorrenti e, al contempo, richiedono attenzione da parte dell’allenatore e dello staff.

Scopri di più sul numero di agosto: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]

I giochi di attivazione

Come incominciare la seduta in modo interessante, proficuo ed efficace. Giochi di attivazione per Pulcini, Esordienti e Giovanissimi curate dal centro studi Coaching Calcio. Cronologicamente parlando, partiamo dall’incipit, vale a dire dai processi di attivazione tecnica, motoria e neuro-cognitiva, che definiamo “giochi di attivazione” (ovvero “riscaldamento” o parte iniziale dell’allenamento). La fase di attivazione Questo […]