L’arte di comunicare

L’arte di comunicare

Gli speciali de Il Nuovo Calcio – Settore giovanile

Come far passare nel modo migliore i propri messaggi con giovani e bambini. L’importanza degli aspetti verbali e non verbali, della capacità di ascolto e del contesto didattico che si deve creare.

Possiamo considerare la comunicazione come l’anima del processo d’insegnamento/apprendimento perché veicola la parte più espressiva ed emotiva dei nostri contenuti didattici. Infatti, oltre alla validità dei giochi e delle esercitazioni proposte, quello che rende possibile un buon insegnamento e un buon coinvolgimento da parte di ragazzi/e è la nostra capacità di creare un ambiente motivante e partecipativo.

Tutte le interazioni sono forme di comunicazione, non a caso in ogni corso di formazione viene ricordato che:

non si può non comunicare – l’attività, l’inattività, le parole o il silenzio hanno tutti valore di messaggio, influenzano gli altri e gli altri, a loro volta, non possono non rispondere a queste comunicazioni. E in tal modo comunicano anche loro;

ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e uno di relazione – attraverso il contenuto si trasmette la parte informativa, mentre attraverso la relazione si comunica la percezione che si ha di sé e dell’altro nell’interazione;

ogni comunicazione si compone di un aspetto verbale (quello che si dice) e uno non verbale (come lo si dice) – il primo è la capacità di una persona di esprimere adeguatamente il proprio pensiero attraverso il linguaggio parlato. Permette di riferire il contenuto del messaggio e consente di scambiare messaggi informativi complessi e di elevato livello di astrazione; il secondo, invece, comprende sia il linguaggio del corpo (gesti, postura, espressioni facciali e ogni altro aspetto del corpo in grado di trasmettere informazioni) sia le inflessioni della voce, la sequenza, il ritmo e la cadenza del linguaggio stesso.

Comunicare un messaggio quindi vuol dire:

sostenerlo davanti agli altri;
prendersi cura di come gli altri lo percepiranno;
usare in modo consapevole e coerente l’aspetto verbale e non verbale.

Scopri di più sul numero di febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

 

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]

Professione match analyst

Quello del match analyst è un “mestiere” in forte ascesa e che richiede COMPETENZE TRASVERSALI. Per questo motivo, abbiamo pensato ad alcuni articoli curati da un professionista come Filippo Lorenzon, che presenteranno i compiti e le conoscenze indispensabili del ruolo, oltre ad analizzare l’organizzazione tattica dei club europei e italiani più importanti.