Videogames in campo

Videogames in campo

Il gamification è una metodologia innovativa e coinvolgente, come sostiene un recente studio scientifico, utile a tutti gli allenatori che lavorano nell’attività di base. Scopriamo di cosa si tratta.

L’allenamento dell’attività di base nel terzo millennio è da considerarsi come una missione complessa per tutti gli operatori del settore. Nuove tecnologie, videogiochi e impegni continui alzano il livello di concorrenza con il calcio, che non è più una priorità per tanti giovani. A tutto ciò, però, ci potrebbe essere una soluzione: il gamification.

Una metodologia che… coinvolge
Domanda a bruciapelo: saresti in grado di immaginare, qui e ora, la reazione dei tuoi Pulcini se un giorno, nel presentare un’attività, dovessi dire loro: “Oggi si gioca a Fifa!”? Stupore, risate, incredulità, confusione, eccitazione. Un mix di emozioni incontrollate e difficilmente decifrabili, che possono essere riassunte nella parola… coinvolgimento. Perché l’aver pronunciato quel termine, “Fifa”, ha catturato immediatamente l’attenzione dei giocatori. Sei entrato nel loro mondo, stai parlando la loro stessa lingua, sotto un argomento comune. Occhi sgranati, stato di agitazione e fermento, perché non vedono l’ora di capire di cosa si tratta.

Si apprende più facilmente
“Dimmi e io dimentico, mostrami e io ricordo, coin- volgimi e io imparo”. Questa massima di Benjamin Franklin racchiude l’essenza di quanto appena detto, confermata da alcune delle più recenti teorie pedagogiche. L’essere protagonisti del proprio apprendimento aumenterebbe esponenzialmente l’efficacia del percorso stesso. Ed entrare nel mondo dei ragazzi è, da formatore, fare un passo indietro lasciando la scena ai propri giocatori. Oltretutto, questo sarebbe ulteriormente facilitato dalla presenza di due aspetti: emotivo e attivo.

Scopri di più sul numero di ottobre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]