Una progressione per l’uno contro uno

Una progressione per l’uno contro uno

Una serie di proposte pratiche per contestualizzare la situazione di 1>1 e avvicinarsi a ciò che accade in gara.

Nell’articolo del mese di dicembre sull’1>1 a squadre, la mia preoccupazione riguardava il fatto di trasmettere ai bambini, attraverso un semplice 1>1, che ogni situazione deve essere vista in un contesto di squadra e non solo singolarmente. “Devo dare il massimo per superare l’avversario per me stesso e per i miei compagni, per la mia squadra”: questo il messaggio che doveva passare. I giochi proposti sottolineavano quindi questo aspetto, ma non facevano i conti con la contestualizzazione nel campo.

A inizio stagione, con questo tipo di esercizi, durante le gare il gruppo squadra si vedeva. I bambini però provavano le proprie tricks, ma riuscivano difficilmente a “trasportare” l’esercitazione in partita, e, cosa ancora più importante, le loro scelte avevano quasi sempre e comunque una soluzione individuale, nonostante tutto. Non sapevano quando tentare il dribbling e quando invece rinunciare allo stesso perché in una situazione poco favorevole. O più semplicemente, attirati dal piacere della giocata, preferivano quest’ultima sebbene non fosse necessaria, con il risultato della perdita del possesso. Ecco, sì, la squadra l’avevamo “formata” in allenamento, ma come potevamo sfruttarla durante un incontro?

Scopri di più sul numero di gennaio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Torniamo alla tecnica

La gestione sopraffina del pallone rappresenta un indubbio vantaggio per il giocatore di qualsiasi livello. I vantaggi di agire in tale direzione fin da piccoli e la progressione di attività. Le migliori prestazioni delle squadre più forti di sempre non sono esclusivamente dovute al loro collettivo, alla preparazione atletica e a una buona impostazione tattica. […]

La visione globale

Il lavoro secondo princìpi di gioco nel settore giovanile: la sua importanza e come agire al meglio per insegnare ai propri giocatori a osservare il contesto di gioco prima di ricevere palla. Programmare l’attività da svolgere con la propria squadra è una condizione necessaria (ma non sufficiente) per offrire ai propri giocatori una valida e […]

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Le minipartite

Un valido strumento per perseguire obiettivi che vanno dagli aspetti tecnici a quelli percettivi. Le variabili per modificare le finalità. Coinvolgere tutti, ridurre i tempi “morti”, aumentare il rapporto con la palla, garantire alta intensità, differenziare le proposte, incuriosire, stimolare, emozionare… Sono alcuni esempi di obiettivi primari e dall’apparenza scontata che non sempre si riescono […]