Una progressione per l’uno contro uno

Una progressione per l’uno contro uno

Una serie di proposte pratiche per contestualizzare la situazione di 1>1 e avvicinarsi a ciò che accade in gara.

Nell’articolo del mese di dicembre sull’1>1 a squadre, la mia preoccupazione riguardava il fatto di trasmettere ai bambini, attraverso un semplice 1>1, che ogni situazione deve essere vista in un contesto di squadra e non solo singolarmente. “Devo dare il massimo per superare l’avversario per me stesso e per i miei compagni, per la mia squadra”: questo il messaggio che doveva passare. I giochi proposti sottolineavano quindi questo aspetto, ma non facevano i conti con la contestualizzazione nel campo.

A inizio stagione, con questo tipo di esercizi, durante le gare il gruppo squadra si vedeva. I bambini però provavano le proprie tricks, ma riuscivano difficilmente a “trasportare” l’esercitazione in partita, e, cosa ancora più importante, le loro scelte avevano quasi sempre e comunque una soluzione individuale, nonostante tutto. Non sapevano quando tentare il dribbling e quando invece rinunciare allo stesso perché in una situazione poco favorevole. O più semplicemente, attirati dal piacere della giocata, preferivano quest’ultima sebbene non fosse necessaria, con il risultato della perdita del possesso. Ecco, sì, la squadra l’avevamo “formata” in allenamento, ma come potevamo sfruttarla durante un incontro?

Scopri di più sul numero di gennaio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]