Una doppia analfabetizzazione

Una doppia analfabetizzazione

Parliamo sia di quella motoria sia di quella ludica. I bambini, già in difficoltà prima di questa pandemia a muoversi e a organizzare da soli giochi, potrebbero veder peggiorare drasticamente la loro situazione.

Prima che iniziasse questo periodo di assoluta “clausura” dovuto a questa tragica pandemia, andavo a correre o camminare nei boschi. Mi capitava di raccogliere pezzi di legno oppure calciare ricci o castagne; oppure ancora passare sotto alberi caduti o saltarli perché a contatto con il terreno. Insomma, mi comportavo come da bambino. Purtroppo, di rado mi succedeva di vedere persone e in particolare bambini in questi ambiti.

Mi nasce spontanea una riflessione in questo momento storico in cui giustamente tutti siamo rimasti a casa e stiamo utilizzando maggiormente gli strumenti digitali per scopi, didattici, culturali e di svago (cellulari, computer, videogiochi e via dicendo), con la conseguenza che viene ancora di più compressa la possibilità di muoversi: cosa ne sarà delle problematiche legate al ridotto movimento in età infantile e nella fanciullezza? Il “virtuale” o il “digitale” contrasta con la possibilità di muoversi anche in ambiente naturale come ad esempio boschi, cortili, ma pure in giardino (con i familiari conviventi), dove una volta ci si trovava con gli amici per giocare, speri- mentare e soprattutto divertirsi.

Scopri di più sul numero di giugno: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]