Un pre-partita allenante

Un pre-partita allenante

Come sfruttare al meglio il riscaldamento prima della partita, utilizzandolo come allenamento vero e proprio, a conclusione dei training settimanali. Diverse proposte pratiche, in relazione ai vari aspetti che si vogliono stimolare.

Tempo e spazio, come ben sappiamo, sono le due dimensioni principali su cui gli istruttori e gli allenatori si concentrano quando svolgono la loro attività sul campo: sono i due concetti su cui si fonda la disciplina sportiva che tanto amiamo.

Tuttavia vi sono momenti in cui sia lo spazio sia il tempo diventano nemici per noi, per il semplice motivo che vengono a essere deficitari. Quante volte vi è capitato di lamentarvi con la società per via di spazi inadeguati dove allenarsi? Oppure per sedute troppo brevi?

Non tutte le realtà sportive, purtroppo, dispongono di strutture tali da permettere tempi e spazi adeguati per gli allenamenti e quindi bisogna sapersi adattare. Mentre per lo spazio non possiamo che arrenderci (difficile crearlo), per il tempo qualcosa si può fare. Dobbiamo solo pensare come recuperare minuti preziosi da sfruttare con i ragazzi. Per questo, possiamo iniziare a guardare il pre-partita da un punto di vista differente. È importante cercare di renderlo un momento di allenamento attivo e non una semplice attesa della partita.

Sfruttiamo il pre-gara
In un normale week-end di gara, sia che si giochi in casa sia in trasferta, il ritrovo al campo è stimato generalmente intorno all’ora antecedente il fischio d’inizio. Quest’ora di solito è occupata dalle fasi di vestizione, da un discorso generico sul match che si sta per affrontare (che a volte dura decisamente troppo), un ingresso sul campo seguito da una fase di riscaldamento monotona e spesso sempre uguale, per poi terminare con dei tiri in porta. Tutto ciò in uno stato di attesa ansiosa del fischio d’inizio.

Se invece ci sforzassimo di considerare questo lasso di tempo un allenamento vero e proprio, magari integrativo al lavoro settimanale, senza perderci in inutili chiacchiere e, dopo esserci cambiati in dieci minuti/un quarto d’ora, entrassimo in campo ad allenarci non sarebbe meglio? Non otterremmo dei vantaggi? Sicuramente sì! Vediamo quali potrebbero essere…

Scopri di più sul numero di ottobre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]