Un nuovo inizio

Un nuovo inizio

Quali valori e concetti tenere presente quando ci si appresterà a pianificare la prossima stagione. C’è qualcosa che va oltre il calcio e, visto il periodo, non può essere dimenticato.

L’inizio è un qualcosa che porta con sè un miscuglio di emozioni variegate: l’eccitazione per affrontare o continuare un nuovo percorso, l’adrenalina pungente di rimettersi in gioco, la consapevolezza smaniosa di avere qualcosa da insegnare, la celata timidezza che ti secca la bocca e che a volte ti lascia senza parole, ma soprattutto quell’assordante batticuore che ci ricorda quanto sia genuino avere dentro di sè quell’io-bambino che si agita ed entusiasma di fronte all’attesa, all’aspettativa, alla speranza che la realtà sia come l’avevamo immaginata. “L’attesa del piacere è essa stessa il piacere” recitava Gotthold Ephraim Lessing, importante esponente dell’illuminismo letterario e filosofico tedesco; frase poi ripresa da una nota pubblicità televisiva, che sintetizza magnificamente lo stato d’animo di noi allenatori nel momento in cui stiamo per scendere in campo coi nostri ragazzi anche solo per una semplice e quotidiana seduta. Stato emotivo che si amplifica sempre di più all’inizio di ogni nuova stagione. Non posso nemmeno immaginare che esplosione di sentimenti proveremo quando ci daranno la possibilità di vedere concretamente il prossimo inizio. Ecco dunque il motivo per cui dobbiamo dedicare molta cura e attenzione nel programmare una nuova annata, nel definire nei dettagli quali siano i nostri obiettivi.

Per una volta nella vita siamo stati obbligati a rallentare i ritmi, a uscire dal vortice degli impegni che ci guidava per inerzia all’appuntamento successivo, il più delle volte frastornati, poco lucidi e a volte scocciati, disinteressati, ad- dirittura negativi, incapaci di gustare il presente. Cogliamo dunque questa occasione, prendiamoci il tempo per riflettere, mettiamo sul piatto della bilancia i pro e i contro e troviamo il coraggio di ascoltare le “farfalle nella pancia”, lasciandoci alle spalle quella classica frase: “Si è sempre fatto così”.

Scopri di più sul numero di giugno: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]