Oltre la metodologia

Oltre la metodologia

Il mestiere di allenatore non è qualcosa di facile che si impara unicamente sui libri. Bisogna mettersi in gioco, osservare e soprattutto… fare!

Mi è capitato in passato, e mi accade tuttora, quando discuto e rifletto con addetti ai lavori e non, sul calcio giovanile italiano (magari mettendolo a confronto con altri sistemi sociali, educativi e sportivi di nazioni diverse dalla nostra) di domandarmi come mai nessuno abbia il coraggio di agire, creando una squadra di esperti che sviluppino un piano strutturale per rimodellare sia il nostro sistema scolastico sia quello sportivo (le soluzioni ci sono… se si hanno coraggio e volontà).

Poi abbasso i toni e parto con quello che possono fare realmente nel contesto in cui opero. Allora nasce spontanea una seconda domanda, che mi aiuta a lasciar perdere quel senso di impotenza generato dalla prima. Cosa e come lavorare per suscitare il talento nei bambini e nei ragazzi che giocano a calcio?

Magicamente (e non è un termine casuale) mi tornano in mente i ricordi dell’infanzia, la mia mente proietta immagini di quando giocavo a calcio nella piazzetta del paese e rammento ancora vividamente i miei compagni sorridenti sprizzare di un’energia contaminante, immersi in una sinfonia multisensoriale. Sogno o realtà? Il meraviglioso mondo dell’infanzia è rivissuto grazie a un pensiero volante. Però non ho dato una risposta a quel quesito. Il primo passo per farlo è allargare i nostri orizzonti con lo scopo di condividere spunti da mettere in campo, non solo nella scuola calcio.

Scopri di più sul numero di febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Torniamo alla tecnica

La gestione sopraffina del pallone rappresenta un indubbio vantaggio per il giocatore di qualsiasi livello. I vantaggi di agire in tale direzione fin da piccoli e la progressione di attività. Le migliori prestazioni delle squadre più forti di sempre non sono esclusivamente dovute al loro collettivo, alla preparazione atletica e a una buona impostazione tattica. […]

La visione globale

Il lavoro secondo princìpi di gioco nel settore giovanile: la sua importanza e come agire al meglio per insegnare ai propri giocatori a osservare il contesto di gioco prima di ricevere palla. Programmare l’attività da svolgere con la propria squadra è una condizione necessaria (ma non sufficiente) per offrire ai propri giocatori una valida e […]

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Le minipartite

Un valido strumento per perseguire obiettivi che vanno dagli aspetti tecnici a quelli percettivi. Le variabili per modificare le finalità. Coinvolgere tutti, ridurre i tempi “morti”, aumentare il rapporto con la palla, garantire alta intensità, differenziare le proposte, incuriosire, stimolare, emozionare… Sono alcuni esempi di obiettivi primari e dall’apparenza scontata che non sempre si riescono […]