Oltre la metodologia

Oltre la metodologia

Il mestiere di allenatore non è qualcosa di facile che si impara unicamente sui libri. Bisogna mettersi in gioco, osservare e soprattutto… fare!

Mi è capitato in passato, e mi accade tuttora, quando discuto e rifletto con addetti ai lavori e non, sul calcio giovanile italiano (magari mettendolo a confronto con altri sistemi sociali, educativi e sportivi di nazioni diverse dalla nostra) di domandarmi come mai nessuno abbia il coraggio di agire, creando una squadra di esperti che sviluppino un piano strutturale per rimodellare sia il nostro sistema scolastico sia quello sportivo (le soluzioni ci sono… se si hanno coraggio e volontà).

Poi abbasso i toni e parto con quello che possono fare realmente nel contesto in cui opero. Allora nasce spontanea una seconda domanda, che mi aiuta a lasciar perdere quel senso di impotenza generato dalla prima. Cosa e come lavorare per suscitare il talento nei bambini e nei ragazzi che giocano a calcio?

Magicamente (e non è un termine casuale) mi tornano in mente i ricordi dell’infanzia, la mia mente proietta immagini di quando giocavo a calcio nella piazzetta del paese e rammento ancora vividamente i miei compagni sorridenti sprizzare di un’energia contaminante, immersi in una sinfonia multisensoriale. Sogno o realtà? Il meraviglioso mondo dell’infanzia è rivissuto grazie a un pensiero volante. Però non ho dato una risposta a quel quesito. Il primo passo per farlo è allargare i nostri orizzonti con lo scopo di condividere spunti da mettere in campo, non solo nella scuola calcio.

Scopri di più sul numero di febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]