La Waterball

La Waterball

L’utilizzo di questo nuovo attrezzo per il miglioramento della prestazione calcistica. Lo stimolo delle capacità coordinative e la qualità dei movimenti multidirezionali. Una ricerca sperimentale.

Il calcio di oggi, a ogni livello, richiede una maggiore “espressione” fisico-atletica rispetto a qualche anno fa. Più velocità, più contatto fisico, più arresti con successive accelerazioni, più cambi di direzione (CdD) con e senza palla. Negli ultimi tre anni, assieme ad alcuni miei ex studenti (Enrico Battisti, Luigi Di Spirito, Francesco Bailetti e Mauro Scopa) e colleghi allenatori / formatori (anche di altre discipline come Matteo Panichi, preparatore fisico della Nazionale Italiana maggiore di pallacanestro, maschile e femminile), abbiamo studiato quali potevano essere gli effetti e le conseguenze, applicando a un protocollo di lavoro specifico, l’uso di un carico disequilibrante, rappresentato da una palla con l’acqua all’interno: la WaterBall (WB) o fluiball.

Di cosa si tratta
La WB è una sfera con all’interno dell’acqua (dal peso variabile da 1-2 Kg a 3 Kg – quelle da noi adoperate). Sfrutta il principio del carico disequilibrante: l’acqua presente all’interno rappresenta un elemento destabilizzante. L’azione del liquido, mosso dai gesti dei giocatori, è un importante fattore di “sollecitazione” di recettori articolari e muscolari che costituiscono il sistema propriocettivo dell’essere umano…

Scopri di più sul numero di settembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]