La strada per una nuova coordinazione

La strada per una nuova coordinazione

Considerazioni, strategie e applicazioni per migliorare gli aspetti coordinativi dei bambini più piccoli.

Guardando con attenzione un campo di calcio, è possibile osservare quanto i bambini, al giorno d’oggi, siano poco coordinati e in palese difficoltà da un punto di vista motorio. La gestione del proprio corpo è una caratteristica che va insegnata attraverso la sperimentazione di gestualità differenti, anche non sport-specifiche, soprattutto quando si parla di attività di base. Il punto di partenza deve essere questo: proporre esercitazioni di multisport utilizzando tutte le attrezzature possibili, per creare percorsi o giochi che racchiudano al loro interno obiettivi coordinativi differenti e via via sempre più complessi. Al tempo stesso non bisogna privare i bimbi dell’aspetto ludico, di fondamentale importanza affinché quanto richiesto sia svolto con la più totale disinvoltura e “disinibizione”, portando al raggiungimento dell’obiettivo preposto in maniera serena e quasi naturale.

I giochi di strada
Riscoprire alcuni giochi di strada, ormai non più praticati, come ad esempio la campana, l’elastico, il salto della corda, oppure alcuni gesti che fino a qualche decennio fa erano parte integrante della vita quotidiana di un bambino, come arrampicarsi, strisciare, rotolare, è la chiave di volta per far sì che i nostri giovani calciatori ritrovino quel vissuto che i loro genitori avevano durante le giornate, semplicemente stando con gli amici all’aria aperta. Oggigiorno il contesto sociale è cambiato, i “piccoli” stanno insieme in modo passivo, con il telefono o altri dispositivi tra le mani: ecco perché il ruolo della scuola e quello dello sport diventano ancor più determinanti e decisivi nella crescita motoria degli individui.

Scopri di più sul numero di febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]