L’attacco alla porta

L’attacco alla porta

Attaccare la porta come attaccare lo spazio sono caratteristiche e qualità che una squadra e un calciatore offensivo, più nello specifico, devono possedere per “colpire” il diretto avversario.

I ricordi storici

Come insegnare il cross e i movimenti 1verso la rete ai giocatori dell’attività di Nel corso dell’ultimo ventennio l’evoluzione tattica e strategica ha modificato lo sviluppo del gioco, le situazioni e, più o meno direttamente, anche il ruolo e il compito degli attaccanti. Tra la fine degli anni ‘90 e primi del 2000, le squadre presentavano, come riferimenti offensivi, elementi quali Batistuta, Trezeguet, Crespo, Bierhoff, ad esempio: dei veri e propri “centravanti” pronti a capitalizzare quei pochi palloni ricevuti, giocatori che hanno fatto dell’area di rigore la loro seconda casa. Stiamo parlando di un calcio più “rigido”, nel quale spesso il 4-4-2 e le “ali” la facevano da padrone, con numerosi sviluppi sulle catene laterali alla ricerca del fondo per un cross o un traversone.

A fianco di questi calciatori iniziavano a emergere profili più “dinamici”, se così possiamo definirli, che magari affiancavano i primi e sarebbero diventati i futuri punti di riferimento; Eto’o, Ronaldo, Shevchenko, Inzaghi, Henry… e potrei andare avanti ancora a lungo, caratterizzeranno il decennio successivo segnando un lieve, seppur percettibile cambiamento.

>> LEGGI E SCARICA L’ARTICOLO COMPLETO

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]