Insegnare il valore del rischio

Insegnare il valore del rischio

Cosa significa accettare la sfida di sbagliare per… migliorare. Per crescere in un mondo non ovattato. Il parallelo tra genitore e allenatore ci può portare a considerare in modo differente “pericolo” e “rischio”.

Premessa: ho iniziato questo articolo pensando al calcio, a quanto sia utile lasciar sperimentare finte, dribbling e duelli al bambino, soprattutto quando è nella fase di egocentrismo; ho pensato all’importanza di “rischiare”, di insistere sulla “presa di responsabilità” di un dribbling piuttosto che di un passaggio di scarico o alla decisione di superare un avversario con un uno-due affidandosi a un compagno.

Si tratta di allenare le scelte, di accettare il rischio che la decisione in quel dato momento non sia quella giusta, consapevoli però che solo attraverso l’errore il bambino o il giovane giocatore potranno sperimentare e interiorizzare un qualcosa che in futuro permetterà loro di risolvere la situazione. Certo, è necessario sperare che quel rischio non abbia conseguenze “letali”, specie nelle categorie in cui il risultato ha una certa importanza. Sperare che quella situazione, tanto allenata e anche tanto sbagliata in partita (subendo gol magari), finalmente si riesca ad attuare positivamente con la gioia di essersi migliorati e di essere diventati migliori. Ho incominciato con questa idea, considerando che vi sono pochi bambini o ragazzi che si prendono rischi nel gioco; poi ho collegato il concetto alla figura del genitore in rapporto al rischio stesso. Quindi all’allenatore.

Scopri di più sul numero di febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]