Impariamo dal calcio a 5

Impariamo dal calcio a 5

Il Futsball è quel termine che unisce calcio a 5 (futsal) e a 11 (football). I vantaggi di questa metodologia e le proposte pratiche.

Uno dei problemi che spesso gli addetti ai lavori evidenziano è la scarsa tecnica di molti giovani calciatori, che hanno difficoltà nel compiere correttamente alcuni gesti fondamentali. Un’idea per certi versi innovativa che può cercare di lavorare in questa direzione è quella che fonde il futsal con il football, iniziando sin dalle prime annate dell’attività di base.

Di cosa si tratta
Da qui la parola “FutsBall” (Futsal + Football): rappresenta una metodologia ideata per consentire ai giovani calciatori di veder crescere le proprie abilità tecniche-tattiche attraverso l’introduzione di alcuni fondamentali essenziali del calcio a cinque all’interno del mondo del calcio.

L’istruttore che si occupa di attività di base, infatti, deve facilitare il gioco e sperimentare con coscienza per raggiungere un livello di miglioramento importante. Deve essere aperto alle idee e alle esperienze derivate da altri ambiti sportivi, deve costruirsi quella mentalità polisportiva che gli sarà d’aiuto nel risolvere i numerosi problemi insiti nella formazione dei ragazzi.

Per troppo tempo, nel programmare l’attività calcistica dei giovani, gli istruttori hanno avuto come unico rife- rimento il modello di prestazione degli atleti adulti e fino a poco fa, in alcune regioni, i calciatori in erba venivano catapultati direttamente nel calcio 11>11, non adatto alle loro caratteristiche fisiche, mentali, emozionali e relazionali. Per formare il calciatore di livello occorre arrivarci per gradi. Si deve partire dal 3>3 e adattare i modelli di performance alle caratteristiche psico-fisiche dei bambini in età evolutiva.

Scopri di più sul numero di novembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]