Dietro le quinte del gioco libero

Dietro le quinte del gioco libero

I giochi da strada e cortile ormai sono scomparsi con tutti i vantaggi che portavano. Come provare a riproporli durante le sedute di allenamento.

Ci siamo trovati in tanti in questa situazione: ultimi cinque secondi e bisogna segnare di testa o al volo per far restare il portiere in porta; oppure è necessario prendere la decisione di non toccare il pallone, perché in caso di errore si va a finire tra i pali. Il fascino e il divertimento (enjoyment) dei giochi da strada, da oratorio e da cortile erano senza confini e… senza tempo.

Anzi, troppo lontano nel tempo, in un tempo che non c’è più. Per i più grandi, probabilmente dai 25-30 anni in su, giochi come “Mundialito”, “Undici”, “Tedesca” erano pratica quotidiana dei pomeriggi dopo la scuola. Una serie infinita di stimoli e situazioni che garantivano la possibilità di sviluppare molte abilità, non solo tecniche, tra cui: auto-regolamentazione, padronanza e gestione delle regole, risoluzione dei conflitti, lettura delle traiettorie aeree, calciare al volo e di prima, duelli (uno contro uno – e spesso uno contro tanti…) e via dicendo.

I ben noti cambiamenti avvenuti all’interno della società, primo fra tutti la diffusione massiva della tecnologia, e la struttura adulto-centrica dell’attività motoria (i bambini dipendono dai genitori anche solo per essere accompagnati al campo) hanno fatto sì che le occasioni di gioco definito “informale” si siano “ridotte all’osso”, determinando il declino dei giochi di strada.

>> LEGGI E SCARICA L’ARTICOLO COMPLETO

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]