Alleniamo la visione periferica

Alleniamo la visione periferica

Quali strategie utilizzare per allenare questa importante abilità nel giovane calciatore. L’utilizzo delle fasce colorate e le proposte pratiche.

La corteccia motoria è la regione del cervello coinvolta nella pianificazione, nel controllo e nell’esecuzione dei movimenti volontari del corpo. Tutto questo è possibile grazie alla sua capacità di trasmettere alle cellule dei nuclei dei nervi cranici e quelle del midollo gli impulsi per i movimenti compiuti attraverso la nostra volontà.

Le informazioni sensoriali e motorie vengono elaborate da un gran numero di vie diverse del sistema nervoso centrale, tutte simultaneamente attive. Ogni via funzionale è formata da connessioni organizzate in modo seriale fra gruppi distinti di neuroni. In ciascuna di queste vie un gruppo di neuroni elabora informazioni progressivamente più complesse o più specifiche rispetto a quelle gestite dal gruppo precedente. Una delle funzioni principali dei sistemi percettivi è quella di fornire informazioni sensoriali necessarie per le varie attività motorie. Nel calcio, ad esempio, ciò avviene quando un giovane calciatore, che osserva la palla avvicinarsi, utilizza la corteccia visiva per valutare le dimensioni, la direzione e la velocità della sfera. La corteccia premotoria sviluppa, invece, un programma per arrestarla e/o colpirla. Nel momento in cui il giocatore deve eseguire il gesto tecnico, la corteccia motrice invia segnali al midollo spinale per attivare e inibire vari muscoli delle braccia e delle gambe. I nuclei della base avviano gli schemi motori e, probabilmente, prendono parte anche alla rievocazione di altri schemi appresi in precedenza per successivamente fermare e/o colpire correttamente il pallone. La modulazione dei movimenti basati sulle informazioni propriocettive, ricevute dalla periferia, avviene grazie all’attività del cervelletto.

Scopri di più sul numero di giugno: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]