Ritroviamo l’equilibrio: i perché dell’allenamento propriocettivo

Ritroviamo l’equilibrio: i perché dell’allenamento propriocettivo

I princìpi di questa forma di training, l’importanza di avvicinarsi a ciò che accade in partita e una serie di proposte pratiche.

La propriocezione può essere considerata come un insieme di segnali, muscolari, cutanei, articolari, legamentosi che arrivano al nostro cervello per informarlo del nostro stato attuale contro la gravità. Infatti, l’uomo vive in una continua situazione di instabilità e attraverso la propriocezione cerca di trovare il suo equilibrio rispetto alla gravità terrestre.

La propriocezione è un sistema complesso formato da molteplici recettori quali:

– i fusi neuromuscolari, che misurano la velocità con cui un muscolo si allunga e si accorcia durante la contrazione;

– i sensori della capsula articolare, che consentono di percepire la posizione di uno o più segmenti ossei;

– gli organi tendinei del Golgi, che, posti in corrispondenza della giunzione muscolo-tendinea, sono sensibili alle variazioni di tensione. Inoltre, preservano l’integrità dei tendini;

– i recettori vestibolari, che sono corrispondenti alle strutture del labirinto;

– i corpuscoli di Ruffini, che, presenti a livello cutaneo e delle capsule articolari, sono sensibili a stimoli pressori e tattili prolungati e intensi e alla temperatura;

–  i corpuscoli di Pacini, che, posti a livello cutaneo profondo, sono sensibili alle vibrazioni.

Il compito dei recettori è quello di inviare continuamente informazioni sullo stato di stiramento dei tessuti per permettere al nostro sistema nervoso di reagire, in modo adeguato ed estremamente rapido, con contrazioni muscolari idonee a stabilizzare le articolazioni coinvolte e quindi conservare i rapporti articolari stessi, anche in situazioni dinamiche particolarmente stressanti. Tali recettori forniscono anche informazioni al cervelletto, insieme ai recettori visivi, vestibolari e uditivi, indispensabili per il mantenimento dell’equilibrio nello spazio.

Scopri di più sul numero di aprile: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Il Tabata nel calcio

Un metodo di allenamento ad alta intensità che prevede fasi di lavoro di 20’’ alternate ad altre di recupero di 10’’, il tutto per 4’ complessivi. Negli ultimi anni la metodologia dell’allenamento nel calcio ha virato decisamente verso la ricerca di una maggiore intensità. Infatti, in sede di training si richiedono numerose accelerazioni, decelerazioni, insieme […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]