GLI ESERCIZI MONOPODALICI

GLI ESERCIZI MONOPODALICI

L’utilità di lavorare per gli arti superiori con un solo appoggio sul terreno. Una serie di proposte sia statiche sia dinamiche, con e senza supporto.

In molti sport di squadra come il calcio, il basket, ma anche nel volley pur se in modo minore, poche azioni avvengono con entrambi i piedi a terra. Se pensiamo per esempio alla corsa, questa non è altro che un’azione ciclica a una gamba, di fatto una serie di balzi orizzontali. Detto questo e ricordando anche la grande quantità di salti, stacchi, conclusioni a rete… che solitamente un calciatore compie, è chiaro che il lavoro monopodalico è senza dubbio importante.

Da una classificazione di Boyle possiamo dividere gli esercizi monopodalici in esercizi “ginocchio dominante”, ovvero varianti del movimento dello squat, e ad “anca dominante”, cioè quelli che danno priorità ai glutei e agli ischiocrurali (varianti degli stacchi a gambe tese o dei “ponti”).

Inoltre, le proposte monopodaliche possono essere suddivise in statiche come lo squat a una gamba o dinamiche come gli affondi. E proprio questa scansione sarà l’argomento principale dell’articolo. Incominciamo dicendo che negli esercizi statici i piedi non si muovono: uno o entrambi sono a contatto col terreno, mentre il corpo si sposta su e giù sul piano sagittale. Gli esercizi monopodalici statici possono poi essere ulteriormente divisi in “con o senza supporto”.

L’articolo completo su IL NUOVO CALCIO di marzo in edicola o in abbonamento http://www.storesportivi.it/articoli/37/il_nuovo_calcio.html

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]

Professione match analyst

Quello del match analyst è un “mestiere” in forte ascesa e che richiede COMPETENZE TRASVERSALI. Per questo motivo, abbiamo pensato ad alcuni articoli curati da un professionista come Filippo Lorenzon, che presenteranno i compiti e le conoscenze indispensabili del ruolo, oltre ad analizzare l’organizzazione tattica dei club europei e italiani più importanti.