Attaccare una squadra chiusa

Attaccare una squadra chiusa

Quali possono essere gli sviluppi di gioco se i nostri avversari non portano una pressione ultra-offensiva? Come possiamo comportarci se attendono nella loro metà campo? Gaetano Fontana, allenatore Uefa Pro con esperienza in diverse realtà della Serie C, analizza ed espone i concetti da tenere presenti e propone una seduta dimostrativa incentrata su questa finalità.

Le proposte allenanti hanno lo scopo di stimolare nell’atleta quei fattori tecnico-tattici, metabolici e cognitivi che lo porteranno a maturare delle conoscenze funzionali al sistema proposto. Il tutto rendendolo capace sia di riprodurre in campo giocate codificate in allenamento, sia di compiere scelte autonome propedeutiche all’organizzazione pensata. Nella strutturazione delle sedute tecnico-tattiche debbono attuarsi delle vere e proprie semplificazioni del modello di gioco. Questo può avvenire suddividendo l’allenamento in piccoli segmenti per consentire all’atleta di “digerire” gli stimoli raggiungendo in tal modo una performance di successo.

Articoli correlati

La costruzione dal portiere

Laterali bassi, centrocampisti sull’esterno La prima impostazione prevede una difesa a 3 elementi. Questi salgono a un segnale prestabilito, coi laterali che si abbassano. Gli spazi intermedi sono liberati dai centrocampisti che si allargano in modo da essere occupati dai due difensori di parte. Il portiere ha quindi due opzioni: cercare i laterali bassi oppure […]

Le attivazioni tecnico-tattiche

Passaggio e smarcamento Questa tipologia di warm-up prevede tre varianti come indicato in figura 1; gli obiettivi sono legati a passaggio, controllo della palla e posture corporee. A sinistra si effettuano delle trasmissioni frontali richiedendo semplicemente lo stop e la giocata per poi correre nella fila opposta. Al centro, invece, i giocatori interni si smarcano […]

La visione globale

Il lavoro secondo princìpi di gioco nel settore giovanile: la sua importanza e come agire al meglio per insegnare ai propri giocatori a osservare il contesto di gioco prima di ricevere palla. Programmare l’attività da svolgere con la propria squadra è una condizione necessaria (ma non sufficiente) per offrire ai propri giocatori una valida e […]

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]