Core training

Core training

Alcune proposte pratiche per migliorare la stabilità e l’efficienza dell’unità centrale del corpo, attraverso il core training.

Negli ultimi anni nell’allenamento sportivo è stato introdotto il concetto di core-training. Con il termine “core” si fa riferimento all’unità centrale del sistema corpo, più precisamente alle strutture, costituite dal complesso ossa-legamenti-muscoli, presenti a livello lombare e addominale, nella zona posta fra il diaframma e il pavimento pelvico (base del bacino).

Allenare il core significa migliorare la stabilità centrale del corpo per favorire la mobilità dei segmenti distali (testa, braccia, gambe). Il tutto per esprimere un movimento in piena libertà. Rafforzare la stabilità dell’unità centrale coxo-lombo-pelvico diventa, quindi, fondamentale per trasmettere in modo efficace e funzionale il peso della testa, del tronco, degli arti superiori a quelli inferiori; si assorbono e si trasferiscono, infatti, le forze che dagli arti vengono indirizzate al corpo e dal corpo stesso agli arti. In pratica, si bilanciano le resistenze incontrate durante i movimenti degli arti inferiori e superiori. Di seguito, vi suggeriamo alcuni semplici esercizi per allenare questa complessa struttura, soprattutto in riferimento ai movimenti specifici della corsa, il gesto più comune che ogni atleta utilizza per muoversi in diverse discipline.

Le esercitazioni

Ecco alcune proposte pratiche, complete di numero di ripetizioni e tempi di recupero, per lo sviluppo del core training.

Rolling con ruota

Il giocatore è inginocchiato a terra con il corpo proteso in avanti. Impugna con entrambe le mani una ruota (o un asta di un bilanciere con ai lati due pesi in grado di scorrere). Da questa posizione deve portarsi in avanti mantenendo le braccia estese e cercando di raggiungere con il corpo la massima orizzontalità, senza toccare terra. Da questa posizione, contraendo l’unità centrale del core, deve ritornare alla posizione di partenza (foto 1 e 2). Si consiglia di eseguire 3 serie di 8-10 ripetizioni.

Rolling con ruota, esercizio fondamentale per lo svlluppo del core
Foto 1.
Rolling con ruota.
Plank con estensione delle braccia

Il giocatore è in posizione di plank (braccia distese, corpo teso e gambe estese). Porta lentamente le braccia il più avanti possibile rispetto alla posizione di partenza, tenendole sempre estese e non modificando l’assetto del corpo. Una volta raggiunta la massima distanza deve mantenere la posizione (foto 3 e 4). Si consiglia di svolgere 3 ripetizioni di 25’’ l’una.

Plank in appoggio sulla swiss ball

Il giocatore è in posizione di plank e posiziona i piedi su una swiss ball, contro il muro. Le braccia sono distese. Una volta raggiunta la stabilità, deve flettere una gamba e rimanere in equilibrio per 10’’. Quindi alterna in successione l’azione coi due arti inferiori (foto 5 e 6). Si consiglia di eseguire 3 ripetizioni complessive. Ogni ripetizione deve essere svolta, chiaramente, per 2 volte con l’arto destro e 2 con quello sinistro per 10’’.

Plank e plank in appoggio sulla swiss ball, cardini del core training.
Foto 4, 5 e 6.
Plank e plank in appoggio sulla swiss ball.
Plank + crawling

Il giocatore è in posizione di plank, con le braccia appoggiate su una panca. Una volta raggiunta la stabilità, deve estendere la gamba e il braccio controlaterale, simulando l’azione di corsa. Questa nuova posizione deve essere tenuta per 20’’ senza modificare la postura del corpo (stabile e in equilibrio) come da foto 7, 8 e 9. Si consiglia di eseguire 4 ripetizioni di 40’’ complessivi. Ogni ripetizione è composta da due azioni: nella prima si estendono contemporaneamente il braccio destro e la gamba sinistra per 20’’, nella seconda il braccio sinistro e la gamba destra per altri 20’’.

Plank + crawling.
Foto 7, 8 e 9.
Plank + crawling.
Push up

Il giocatore è prono, con le braccia flesse e le mani (aperte) posizionate all’altezza del mento. Contraendo in maniera uniforme tutto il corpo, deve sollevarsi da terra per circa 10-15 cm, mantenendo la stabilità per 20’’ (foto 10 e 11). Si consiglia di eseguire 5 ripetizioni di 20’’.

Push up, esercizio che contribuisce all'allenamento dei muscoli addominali.
Foto 10 e 11.
Push up.
Lift con manubri

Il giocatore esegue un affondo, con le braccia estese impugnando due manubri. Questi devono essere in linea con le spalle, il bacino e il ginocchio a terra. Da tale posizione, occorre effettuare un movimento verso l’alto, contraendo il core e mantenendo le braccia estese (foto 12 e 13). Si consiglia di svolgere 3 serie di 8-10 ripetizioni.

Lift con manubri, altro esercizio perfetto per il core training.
Foto 12 e 13.
Lift con manubri.

Articoli correlati

Il Tabata nel calcio

Un metodo di allenamento ad alta intensità che prevede fasi di lavoro di 20’’ alternate ad altre di recupero di 10’’, il tutto per 4’ complessivi. Negli ultimi anni la metodologia dell’allenamento nel calcio ha virato decisamente verso la ricerca di una maggiore intensità. Infatti, in sede di training si richiedono numerose accelerazioni, decelerazioni, insieme […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]

La resistenza alla velocità

L’importanza di questa qualità nel calcio e la possibilità di svilupparla con proposte con o senza palla. Nel calcio la componente fisica gioca un ruolo di fondamentale importanza; proprio per questo tutte le capacità condizionali devono essere allenate con estrema precisione e con la massima cura. In un’attività di tipo aerobico anaerobico alternata come è […]

Glutei e hamstring sempre in forma

Due distretti muscolari che devono essere allenati in modo corretto per evitare infortuni ed essere pronti a una performance di qualità. La letteratura scientifica spiega che certi gruppi muscolari devono essere allenati in maniera specifica, come per esempio i glutei e gli hamstring (o ischiocrurali). Prendendo come riferimento i dati e le indicazioni a connotazione […]