Una seduta in poco spazio

Una seduta in poco spazio

Come organizzare al meglio un intervento efficace con le squadre dell’attività di base (Pulcini ed Esordienti in tal caso) quando si ha solo un quarto di campo a disposizione.

In molte realtà dilettantistiche, avere l’intera “filiera” dalle categorie dai Piccoli Amici-Primi Calci alla Juniores è alle volte molto difficile. Per le società che si sono ben organizzate o hanno una determinata storia ed è una consuetudine avere “tutte le squadre”, questa situazione, sicuramente positiva, però può causare alcune difficoltà. Una su tutte quella delle strutture da utilizzare per gli allenamenti, ovvero la disponibilità di spazi e campi su cui prepararsi. Molto spesso si può sfruttare un unico campo, lasciandone metà ai gruppi del settore agonistico (Giovanissimi, Allievi o Juniores) e l’altra metà deve essere divisa tra Esordienti e Pulcini o Piccoli Amici e Primi Calci. Per questi motivi, la programmazione della seduta diventa fondamentale, soprattutto per ottimizzare il poco spazio a disposizione. In questi casi, è indispensabile sapere prima di incominciare quanto “campo” si può sfruttare e strutturare di conseguenza gli esercizi, in modo che le idee siano chiare e vi sia poco da modificare quando si passa da un esercizio a un altro.

Scopri di più sul numero di febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Le situazioni

1>1 bandiera Si dividono i bambini in due squadre come da figura 1 e si assegna loro un numero (da 1 a 5 nel nostro caso). Il consiglio, in linea di massima, è quello di non superare i 5 giocatori per squadra in modo da ridurre i tempi di attesa; in alternativa si può creare […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

Gli obiettivi della categoria

Quali finalità perseguire e come farlo coi bambini di 8-11 anni. L’importanza delgioco, dei contesti situazionali e della coordinazione; con l’apprendimento tecnicoche deve essere perfezionato e consolidato. La categoria maggiormente rappresentata in termini di soggetti praticanti, nel modo del calcio, è quasi sicuramente quella dei Pulcini e di conseguenza è proprio quella in cui troviamo […]