PRIMI CALCI E PULCINI – Partite a tema

PRIMI CALCI E PULCINI – Partite a tema

CONSIGLI PER GLI ALLENATORI

1- Ai giocatori è richiesto di risolvere un’infinità di problemi non previsti a priori, pertanto il processo cognitivo diventa vitale per il gioco, conferendo a questo una natura di predominanza tattica. Ecco che è importante strutturare esercitazioni che si avvicinino il più possibile a ciò che accade in partita, stimolando i calciatori a prendere decisioni in funzione di spazio, compagni e avversari.

2- È importante privilegiare all’interno delle sedute il “gioco”. Una delle problematiche principali che si riscontra coi bambini è la difficoltà in fase di possesso nel muoversi senza palla, a riconoscere e occupare lo spazio nel modo corretto. L’utilizzo dei giochi a numero ridotto può aiutare a risolvere questo problema, incentivando il riconoscimento e l’occupazione degli spazi in ampiezza e in profondità, insieme a mobilità e scaglionamento.

3- Conviene cercare di strutturare sedute nelle quali i calciatori siano motivati in ogni esercitazione. Una semplice proposta tecnica su ricezione e trasmissione, se trasformata dividendo il gruppo in due e creando una sfida, comporta un aspetto motivazionale importante.

 Spazialità orizzontale

Si disputa una partita in cui il campo è suddiviso in tre zone orizzontali, con quella centrale più piccola delle altre due. La squadra in possesso ha l’obbligo di occupare sempre tutte e tre le zone con almeno un giocatore (figura). L’obiettivo è incentivare il gruppo in possesso a scaglionarsi sul terreno di gioco e a dare sempre un “sostegno” e un “vertice” rispetto alla palla.

Scopri di più sul numero di settembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Le situazioni

1>1 bandiera Si dividono i bambini in due squadre come da figura 1 e si assegna loro un numero (da 1 a 5 nel nostro caso). Il consiglio, in linea di massima, è quello di non superare i 5 giocatori per squadra in modo da ridurre i tempi di attesa; in alternativa si può creare […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

Gli obiettivi della categoria

Quali finalità perseguire e come farlo coi bambini di 8-11 anni. L’importanza delgioco, dei contesti situazionali e della coordinazione; con l’apprendimento tecnicoche deve essere perfezionato e consolidato. La categoria maggiormente rappresentata in termini di soggetti praticanti, nel modo del calcio, è quasi sicuramente quella dei Pulcini e di conseguenza è proprio quella in cui troviamo […]