PICCOLI AMICI E PRIMI CALCI – Finta, dribbling e 1>1

PICCOLI AMICI E PRIMI CALCI – Finta, dribbling e 1>1

CONSIGLI PER GLI ALLENATORI
1 – Più che allenare, addestrare o insegnare, in queste categorie è conveniente favorire e assecondare le motivazioni che portano i bambini a voler venire al campo.
2 – Oltre al cosa si dice è importante il “come” si parla con i più piccoli. La velocità delle parole e il tono utilizzato dall’istruttore sono elementi che possono facilmente alterare il significato di quanto si proferisce. È bene essere pacati, armoniosi e “caldi”.

3 – I bambini apprendono per spontaneità, intuizione (mentre giocano imparano da soli) e per imitazione (basta guardare l’istruttore o i compagni). Per questo, soprattutto nell’esecuzione di finte, la bravura tecnica del mister che dimostra è importante.
4 – È fondamentale, per quanto concerne finta e dribbling, stimolare la fantasia motoria dei bambini, lasciando momenti di sperimentazione libera.
5 – Generalmente, i piccoli giocatori imparano subito tutto ciò che amano e ricordano quello che li fa divertire. Anche adeguate novità li attraggono, spinti dal desiderio di provarle e riuscire a effettuarle.

Il castello e i coni
Si gioca in un campo di 25 x 20 metri. Si affrontano due squadre (rossa e arancio) coi giocatori divisi in coppie. A una delle due compagini si assegnano i palloni e chi è in possesso deve raggiungere l’estremità opposta del campo per abbattere i coni all’interno del castello degli avversari. Può essere con- trastato solo dal “compagno di coppia” (1>1). Ogni cono abbattuto equivale a un punto (figura). Si ricorda di cambiare le squadre che attaccano e difendono come i com- ponenti di ogni coppia. Variante: si assegna un punto se il cono viene abbattuto con un tiro da fuori il castello e due punti se si riesce a entrare con la palla nel castello e stopparla vicino allo stesso.

Scopri di più sul numero di settembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Le minipartite

Un valido strumento per perseguire obiettivi che vanno dagli aspetti tecnici a quelli percettivi. Le variabili per modificare le finalità. Coinvolgere tutti, ridurre i tempi “morti”, aumentare il rapporto con la palla, garantire alta intensità, differenziare le proposte, incuriosire, stimolare, emozionare… Sono alcuni esempi di obiettivi primari e dall’apparenza scontata che non sempre si riescono […]

Giochi di guida e sensibilità

Squalo e pesciolini I giocatori rossi (pesciolini) devono correre nello spazio liberamente con l’obiettivo di fermarsi all’interno del cerchio posto alle spalle dell’elemento blu (squalo), che avrà il compito di prenderli per eliminarli (situazione 1). La medesima proposta può essere eseguita con il pallone (situazione 2) con vari tipi di conduzione (figura 1).

Puma presenta la nuova FUTURE

Puma presenta FUTURE, la nuova e accattivante scarpa da calcio che si spinge oltre i limiti di ciò che si può fare in campo, ma con stile. L’edizione PUMA FUTURE Supercharge sarà disponibile a partire dal 19 gennaio. Arriva sul mercato la nuova evoluzione del franchising di scarpe da calcio FUTURE firmata Puma. La nuova […]

Torniamo alla tecnica

La gestione sopraffina del pallone rappresenta un indubbio vantaggio per il giocatore di qualsiasi livello. I vantaggi di agire in tale direzione fin da piccoli e la progressione di attività. Le migliori prestazioni delle squadre più forti di sempre non sono esclusivamente dovute al loro collettivo, alla preparazione atletica e a una buona impostazione tattica. […]