PICCOLI AMICI E PRIMI CALCI – Finta, dribbling e 1>1

PICCOLI AMICI E PRIMI CALCI – Finta, dribbling e 1>1

CONSIGLI PER GLI ALLENATORI
1 – Più che allenare, addestrare o insegnare, in queste categorie è conveniente favorire e assecondare le motivazioni che portano i bambini a voler venire al campo.
2 – Oltre al cosa si dice è importante il “come” si parla con i più piccoli. La velocità delle parole e il tono utilizzato dall’istruttore sono elementi che possono facilmente alterare il significato di quanto si proferisce. È bene essere pacati, armoniosi e “caldi”.

3 – I bambini apprendono per spontaneità, intuizione (mentre giocano imparano da soli) e per imitazione (basta guardare l’istruttore o i compagni). Per questo, soprattutto nell’esecuzione di finte, la bravura tecnica del mister che dimostra è importante.
4 – È fondamentale, per quanto concerne finta e dribbling, stimolare la fantasia motoria dei bambini, lasciando momenti di sperimentazione libera.
5 – Generalmente, i piccoli giocatori imparano subito tutto ciò che amano e ricordano quello che li fa divertire. Anche adeguate novità li attraggono, spinti dal desiderio di provarle e riuscire a effettuarle.

Il castello e i coni
Si gioca in un campo di 25 x 20 metri. Si affrontano due squadre (rossa e arancio) coi giocatori divisi in coppie. A una delle due compagini si assegnano i palloni e chi è in possesso deve raggiungere l’estremità opposta del campo per abbattere i coni all’interno del castello degli avversari. Può essere con- trastato solo dal “compagno di coppia” (1>1). Ogni cono abbattuto equivale a un punto (figura). Si ricorda di cambiare le squadre che attaccano e difendono come i com- ponenti di ogni coppia. Variante: si assegna un punto se il cono viene abbattuto con un tiro da fuori il castello e due punti se si riesce a entrare con la palla nel castello e stopparla vicino allo stesso.

Scopri di più sul numero di settembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Le situazioni

1>1 bandiera Si dividono i bambini in due squadre come da figura 1 e si assegna loro un numero (da 1 a 5 nel nostro caso). Il consiglio, in linea di massima, è quello di non superare i 5 giocatori per squadra in modo da ridurre i tempi di attesa; in alternativa si può creare […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

Gli obiettivi della categoria

Quali finalità perseguire e come farlo coi bambini di 8-11 anni. L’importanza delgioco, dei contesti situazionali e della coordinazione; con l’apprendimento tecnicoche deve essere perfezionato e consolidato. La categoria maggiormente rappresentata in termini di soggetti praticanti, nel modo del calcio, è quasi sicuramente quella dei Pulcini e di conseguenza è proprio quella in cui troviamo […]