Le regole del gioco

Le regole del gioco

Come rendere “analitica” un’esercitazione situazionale? Proposte pratiche per insegnare il gesto tecnico attraverso il gioco, manipolando le regole e stimolando i ragazzi a un apprendimento mediato dalle richieste spazio-temporali e cognitive dettate dal contesto.

Secondo una moderna definizione, l’allenamento è il mezzo attraverso cui realizzare il potenziale genetico di ciascuno. Ogni sportivo, per emergere, deve essere esposto alla corretta combinazione di diversi fattori ambientali che influiscono positivamente sulle sue prestazioni. Il livello di abilità raggiunto da un atleta è positivamente correlato al volume di attività sport-specifiche effettuate durante gli allenamenti settimanali (in media i calciatori che raggiungono livelli internazionali iniziano a giocare a 5 anni e accumulano 5.000 ore di attività entro i 15 anni di età).

Per aumentare le probabilità che un giocatore abbia prestazioni d’élite è necessario anticipare l’età di avvio dell’attività organizzata (allenamento o gare) così da avvicinarsi al picco della prestazione prima dell’età adulta. Questo principio è noto come specializzazione precoce ed è valido per tutte le discipline individuali. Negli sport di squadra, invece, sono emerse conseguenze potenzialmente negative, quali ad esempio l’abbandono della pratica sportiva (burn-out o drop-out) durante l’adolescenza. Al contrario, prendere parte a un considerevole volume di ore di attività in forma di gioco contrasta le conseguenze negative a livello motivazionale dovute all’eccesso di pratica. Inoltre, è stato verificato che per un bambino è più probabile sviluppare prestazioni importanti nel tempo se viene coinvolto in un volume maggiore di ore di gioco non strutturato, piuttosto che sottoposto ad alte concentrazioni di attività formale. Infine, la partecipazione ad altri sport molto spesso facilita l’ottenimento di prestazioni di vertice nel lungo periodo.

Scopri di più sul numero di gennaio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]