Il primo controllo

Il primo controllo

Tutte le tipologie di ricezione possibili per il giocatore, da fermo e in movimento. L’illustrazione delle tre principali: apro di interno, chiudo di interno e “chiudo” di esterno piede.

Nei precedenti articoli abbiamo visto l’importanza dello sviluppo delle abilità tecniche individuali nella fase di scoperta e avviamento della tecnica calcistica per la formazione del giocatore (nel box a corredo tutti gli argomenti trattati).
Ora, in questo scritto ci occuperemo dal punto di vista del gioco reale della capacità di collaborazione, analizzando la ricezione della palla a terra, ovvero il primo controllo, elemento essenziale nel calcio per il gioco di squadra. Il giocatore che possiede una grande abilità in tali fondamentali è da sempre considerato di elevata capacità tecnica. Il primo controllo, inoltre, ti aiuta nelle successive giocate.

Un aspetto importante, assolutamente da non sottovalutare, è che nel gioco la prima “gestione” del pallone è legata alla lettura anticipata della traiettoria d’arrivo della palla e al prevedere dove direzionare la stessa in base alla posizione di avversari e compagni (percezione spazio e tempo). Nel calcio moderno sono numerose le modalità esecutive, diverse le tipologie, oltre che gli angoli di controllo.

Andiamo a vedere ora le modalità esecutive della ricezione nel contesto partita:

1 – il giocatore può essere fermo e ricevere sul posto; in questo caso parliamo di stop della palla; questo avviene naturalmente quando il giocatore che si appresta al controllo è pressato da uno o più avversari e non ha spazio per indirizzare e orientare la sfera; è costretto a fermarla per poi decidere cosa fare in un secondo momento;

2 – il giocatore può essere fermo e ricevere a seguire; abbiamo così il controllo orientato. Sull’arrivo del pallone, il calciatore ha letto in anticipo lo spazio in base alla posizione di compagni e avversari e ha utilizzato un controllo funzionale alla successiva giocata;

3 – il giocatore è in movimento (incontro alla palla oppure in allontanamento) e riceve sul posto; in questo caso parliamo di stop; avviene se c’è una pressione da parte di uno o più avversari e non vi è lo spazio per indirizzare e orientare la sfera. Il calciatore è obbligato a fermare l’attrezzo per decidere in seguito come comportarsi;

4 – il giocatore è in movimento (incontro alla palla o in allontanamento) e riceve a seguire, ovvero con un controllo orientato. Sull’arrivo della palla il giocatore ha letto in anticipo lo spazio in base alla posizione di compagni e avversari e ha orientato di conseguenza il pallone.

Scopri di più sul numero di maggio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it 

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]