Il gioco dei ruoli

Il gioco dei ruoli

Stabilire la posizione in campo e i compiti, insomma il ruolo, è uno snodo importante per qualsiasi allenatore e giocatore. Quando lavorare in questa direzione, quando è meglio evitare e come comportarsi.

Uno degli aspetti più delicati nella costruzione di un calciatore è la scelta del ruolo. Nel calcio è fondamentale che ciascun giocatore ricopra aree di campo particolari, muovendosi in modo sinergico coi compagni, utilizzando abilità motorie specifiche (“fisica”, velocità, resistenza, visione di gioco…) richieste dalle situazioni e dal compito da svolgere. Ciascun ruolo necessita della presenza sia di qualità tecniche e fisiche, sia di attitudini di tipo tattico e psicologico. Per uno sviluppo motorio efficiente sono fondamentali allenamento e apprendimento nel tempo. Ma c’è l’età giusta per apprendere un ruolo ben delineato?

Innanzi tutto, potremmo definire la scelta del “giusto ruolo” una delle fasi determinanti inerenti il lungo percorso tecnico-tattico che la scuola calcio pone a fondamenta della propria connotazione. Ricordiamo che nel percorso successivo al primo a viamento sportivo (Piccoli Amici e Primi Calci), a partire da Pulcini ed Esordienti, si ha il primo vero prototipo di squadra. A questo punto l’esigenza della definizione dei ruoli inizia a entrare in gioco. È proprio ora che viene a generarsi la fatidica domanda: in che ruolo giocherà il ragazzo? Ma è proprio così? Ciò che determina la selezione del ruolo carat- terizza un percorso molto delicato che richiede imprescindibilmente professionalità e competenza da parte dell’istruttore. È essenziale che i ragazzi padroneggino non solo gli aspetti prettamente tecnici e tattici del calcio, ma anche quelli attinenti alle dimensioni pedagogiche e psicologiche insite nel percorso di formazione.

Come i propri idoli
Seguendo il calcio in televisione, poi, nel bambino c’è il desiderio di scendere in campo nel particolare ruolo del proprio idolo. Però, è necessario considerare che non si può essere un attaccante, un difensore o un centrocampista fin da subito, senza possedere ancora gli strumenti che consentano di comprendere bene il significato dei compiti e delle caratteristiche indispensabili. Senza dimenticare che occorre una crescita fisica tale da consentire un tipo di preparazione adeguata a quanto deciso. Inoltre, in una scuola calcio i giovani calciatori devono essere liberi di agire e fare esperienza di “gioco vario” senza eccessivi vincoli. Esprimere se stessi in tutte le zone di campo è il valore aggiunto di un’attività, che, attraverso l’esperienza variata, arricchisce e porta i ragazzi ad apprezzare le proprie attitudini. Cambiare spesso i ruoli, in più, permette al bambino di mettersi in “discussione”.

Scopri di più sul numero di maggio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]

Il duro lavoro paga sempre

“Il grande inganno è pensare che i più dotati non lavorino, o lavorino poco”, parole di Osvaldo Zubeldia nell’articolo-intervista storica di Carlo Pizzigoni (con l’ingegnere Filippo Riontino) a pagina 18. “Non esiste un solo motivo, neppure uno, perché un giocatore in campo stia fermo. Il calcio è movimento, il calcio è correre e smarcarsi”, Marcelo […]