Comandiamo il gioco con creatività

Comandiamo il gioco con creatività

Andrea Biffi evidenzia l’importanza di spiegare ai nostri bambini perché sia importante comandare il gioco, cosa significa e dove bisogna iniziare a farlo. Per fare ciò, il mister deve trasmettere la volontà di perseguire questa linea guida e incitare i propri allievi nel percorrerla, sfruttando anche l’utilizzo di un modello di riferimento: il fuoriclasse.

Questo deve essere l’ispirazione di ogni piccolo giocatore. Nel corso dello scritto, l’autore sottolinea come per comandare il gioco sia necessario costruire il gioco dal portiere, per imporre la nostra manovra, mantenere il possesso palla e mettere in mostra il nostro talento. Non mancano, poi, proposte pratiche che mirano a rendere i bambini propositivi e esplorativi nelle scelte che attuano.

Scopri di più sul numero di maggio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Così sono i bambini

Le caratteristiche dei Pulcini, le attenzioni che deve avere l’istruttore nel rapporto con loro e quale comunicazione è più efficace. Prima di addentrarci nel mondo dei Pulcini, è importante ricordare che l’organismo umano, se soggetto a determinate sollecitazioni fisiche prodotte dall’esterno, tende a interiorizzare lo stimolo, creando specifici presupposti di adattabilità. Questo indica come il […]

La coordinazione

Quando si lavora con categorie di piccoli giocatori bisogna cercare di unire l’aspetto ludico a quello motorio. L’idea di fondo è quindi quella di consentire ai nostri bambini di apprendere attraverso il gioco, consentendo loro di avere anche uno spazio di libertà utile a stimolare la scoperta autonoma. Questo è il senso delle esercitazioni suggerite. […]