Transizioni positive: tre zone, tre modalità

Transizioni positive: tre zone, tre modalità

Come organizzare questa importante fase del gioco secondo lo spazio in cui si recupera palla. Soluzioni e proposte pratiche.

Il passaggio da una condizione o da una situazione a una nuova e diversa viene comunemente definito transizione. Pertanto, “transitare” a una situazione offensiva dopo aver recuperato palla o a una di difesa, dopo averla persa, pre- suppone un lavoro tattico, fisico, ma soprattutto mentale da parte di ogni singolo giocatore e di tutta la squadra. L’obiettivo primario dell’allenatore quindi è quello di riuscire ad accorciare i tempi di reazione che ci portano da un momento di non possesso a uno di possesso e viceversa.

Quando si difende, i giocatori, sia sotto sia sopra la linea della palla, devono essere orientati tatticamente e men- talmente a un potenziale contrattacco, mentre quando si ricerca la segnatura si deve pensare a non tralasciare il posizionamento difensivo in caso di perdita del possesso, ragionando in modo preventivo. Sicuramente, una transizione positiva ben eseguita o una negativa svolta con eccessiva lentezza, tanto per fare un esempio, possono indirizzare l’esito di una partita. Detto ciò, appare chiaro come trasformare un’azione da difensiva in offensiva o viceversa sia un aspetto sempre più importante e da tenere quindi in grande conside- razione durante la seduta.

Scopri di più sul numero di dicembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Il Tabata nel calcio

Un metodo di allenamento ad alta intensità che prevede fasi di lavoro di 20’’ alternate ad altre di recupero di 10’’, il tutto per 4’ complessivi. Negli ultimi anni la metodologia dell’allenamento nel calcio ha virato decisamente verso la ricerca di una maggiore intensità. Infatti, in sede di training si richiedono numerose accelerazioni, decelerazioni, insieme […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]