Transizioni positive: tre zone, tre modalità

Transizioni positive: tre zone, tre modalità

Come organizzare questa importante fase del gioco secondo lo spazio in cui si recupera palla. Soluzioni e proposte pratiche.

Il passaggio da una condizione o da una situazione a una nuova e diversa viene comunemente definito transizione. Pertanto, “transitare” a una situazione offensiva dopo aver recuperato palla o a una di difesa, dopo averla persa, pre- suppone un lavoro tattico, fisico, ma soprattutto mentale da parte di ogni singolo giocatore e di tutta la squadra. L’obiettivo primario dell’allenatore quindi è quello di riuscire ad accorciare i tempi di reazione che ci portano da un momento di non possesso a uno di possesso e viceversa.

Quando si difende, i giocatori, sia sotto sia sopra la linea della palla, devono essere orientati tatticamente e men- talmente a un potenziale contrattacco, mentre quando si ricerca la segnatura si deve pensare a non tralasciare il posizionamento difensivo in caso di perdita del possesso, ragionando in modo preventivo. Sicuramente, una transizione positiva ben eseguita o una negativa svolta con eccessiva lentezza, tanto per fare un esempio, possono indirizzare l’esito di una partita. Detto ciò, appare chiaro come trasformare un’azione da difensiva in offensiva o viceversa sia un aspetto sempre più importante e da tenere quindi in grande conside- razione durante la seduta.

Scopri di più sul numero di dicembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

La costruzione dal portiere

Laterali bassi, centrocampisti sull’esterno La prima impostazione prevede una difesa a 3 elementi. Questi salgono a un segnale prestabilito, coi laterali che si abbassano. Gli spazi intermedi sono liberati dai centrocampisti che si allargano in modo da essere occupati dai due difensori di parte. Il portiere ha quindi due opzioni: cercare i laterali bassi oppure […]

Le attivazioni tecnico-tattiche

Passaggio e smarcamento Questa tipologia di warm-up prevede tre varianti come indicato in figura 1; gli obiettivi sono legati a passaggio, controllo della palla e posture corporee. A sinistra si effettuano delle trasmissioni frontali richiedendo semplicemente lo stop e la giocata per poi correre nella fila opposta. Al centro, invece, i giocatori interni si smarcano […]

La visione globale

Il lavoro secondo princìpi di gioco nel settore giovanile: la sua importanza e come agire al meglio per insegnare ai propri giocatori a osservare il contesto di gioco prima di ricevere palla. Programmare l’attività da svolgere con la propria squadra è una condizione necessaria (ma non sufficiente) per offrire ai propri giocatori una valida e […]

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]