PERIODIZZAZIONE TATTICA L’ATTACCO ORGANIZZATO

PERIODIZZAZIONE TATTICA L’ATTACCO ORGANIZZATO

Si tratta di una sotto-fase del possesso palla in cui la squadra mira a fare gioco in varie zone del campo per ottenere vantaggi in altre. I sotto-princìpi e i sotto sotto-princìpi secondo la periodizzazione tattica.

Il ciclo del gioco è inteso come la continua transizione da attacco a difesa e viceversa. Per costruire un modello di gioco è necessario identificare i quattro momenti fondanti che sono:
– in fase di possesso – sotto-fase di attacco organizzato e sotto-fase di contropiede;
– la transizione negativa;
– in fase di non possesso – sotto-fase di difesa organizzata e sotto-fase di organizzazione difensiva;
– la transizione positiva.

In questo articolo incentreremo la nostra attenzione sulla fase di possesso e in particolar modo sulla sotto-fase di attacco organizzato. Nel prossimo parleremo della transizione negativa.

I concetti della fase offensiva
Per quanto concerne l’organizzazione offensiva nella perio- dizzazione tattica vi sono dei sotto-princìpi da considerare. I sotto-princìpi sono le parti intermedie che sostengono e danno forma alle linee generali del gioco; rappresentano però comportamenti più specifici che permettono di sviluppare più nel dettaglio i concetti del proprio calcio. In riferimento al tema del nostro articolo, parleremo di:

– buon equilibrio di posizione;
– mantenimento della linea difensiva prestabilita a tre o a attirare gli avversari;
– scelta di un gioco diretto;
– utilizzo del concetto di “campo grande” (importanza dell’ampiezza);
– mantenimento dei calciatori interni e dei laterali su differenti linee;
– organizzazione posizionale con triangoli e angoli di passaggio diagonali che permettono una relazione permanente tra i giocatori;
– indirizzamento dell’attacco verso zone favorevoli;
– “attraversamento” dello spazio quando possibile;
– occupazione delle zone privilegiate per la finalizzazione.

Tendenzialmente in fase di possesso, il principio cardine è mantenere la palla ricercando la superiorità numerica e di conseguenza la conclusione; i sotto-princìpi sono legati a fornire costantemente linee di passaggio al possessore e uti1lizzare un gioco palla a terra.

Scopri di più sul numero di gennaio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

La costruzione dal portiere

Laterali bassi, centrocampisti sull’esterno La prima impostazione prevede una difesa a 3 elementi. Questi salgono a un segnale prestabilito, coi laterali che si abbassano. Gli spazi intermedi sono liberati dai centrocampisti che si allargano in modo da essere occupati dai due difensori di parte. Il portiere ha quindi due opzioni: cercare i laterali bassi oppure […]

Le attivazioni tecnico-tattiche

Passaggio e smarcamento Questa tipologia di warm-up prevede tre varianti come indicato in figura 1; gli obiettivi sono legati a passaggio, controllo della palla e posture corporee. A sinistra si effettuano delle trasmissioni frontali richiedendo semplicemente lo stop e la giocata per poi correre nella fila opposta. Al centro, invece, i giocatori interni si smarcano […]

La visione globale

Il lavoro secondo princìpi di gioco nel settore giovanile: la sua importanza e come agire al meglio per insegnare ai propri giocatori a osservare il contesto di gioco prima di ricevere palla. Programmare l’attività da svolgere con la propria squadra è una condizione necessaria (ma non sufficiente) per offrire ai propri giocatori una valida e […]

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]