Le palle ferme difensive

Le palle ferme difensive

Gli aspetti da curare nel periodo d’inizio stagione per organizzare la fase di non possesso su palla inattiva. I concetti che vengono prima della dislocazione in campo dei calciatori.

Il precampionato è da sempre utilizzato per creare un sistema equilibrato di squadra in cui i singoli elementi, con l’aiuto dell’allenatore e dello staff, dovranno trovare quell’empatia essenziale per la risoluzione delle problematiche che andranno ad affrontare lungo il tortuoso percorso stagionale. Per quanto riguarda il discorso legato alle palle inattive, dopo aver parlato a luglio di quelle offensive, ora incentriamo l’attenzione sulle “difensive”, che – tra i diversi aspetti da tenere in considerazione – sono fondamentali per il rapporto intrinseco di responsabilità tra i diversi elementi dell’undici.

Prima di decidere la strategia tattica con la quale affrontare la squadra avversaria, ad esempio su un calcio d’angolo difensivo o su una punizione laterale, dobbiamo lavorare sui singoli e sulle loro relazioni durante una situazione del genere. E la responsabilità che ciascuno deve assumersi deve essere perseguita anche con specifici allenamenti.

È importante rimarcare questo concetto, perché all’interno di una semplice situazione difensiva su palla inattiva “contro” ritroviamo valori strutturali essenziali per il singolo; valori di tipo:
oordinativo;
cognitivo;
socio-affettivo;
emotivo-volitivo;
mentale.

Quante volte abbiamo visto giocatori non saltare in un duello aereo o perdere la marcatura su un calcio d’angolo a sfavore?

Ecco che la difesa a zona può fare al caso nostro. O al contrario, potremmo avere in rosa bravi marcatori, ma poco reattivi sullo stacco da fermo: conviene in tal caso lavorare uomo contro uomo. E se avessimo in organico elementi con entrambe o più caratteristiche utili a questa situazione? Meglio ancora! Potremmo sfruttare le soluzioni in contrapposizione alle attitudini avversarie o mixarle insieme in una zona mista.

Scopri di più sul numero di agosto: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]

Il Tabata nel calcio

Un metodo di allenamento ad alta intensità che prevede fasi di lavoro di 20’’ alternate ad altre di recupero di 10’’, il tutto per 4’ complessivi. Negli ultimi anni la metodologia dell’allenamento nel calcio ha virato decisamente verso la ricerca di una maggiore intensità. Infatti, in sede di training si richiedono numerose accelerazioni, decelerazioni, insieme […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]