La forza durante la stagione agonistica

La forza durante la stagione agonistica

Princìpi, proposte pratiche e metodiche di allenamento per una programmazione del training legato alla forza.

 

L’allenamento di forza del calciatore resta uno degli argomenti più controversi della metodologia dell’allenamento. Nei numeri precedenti della rivista ho trattato quanto forza e potenza siano importanti per il calciatore moderno, mentre in questo l’intenzione è quella di suggerire delle proposte di lavoro, da svolgere in palestra e in campo, durante il periodo competitivo.

Gli staff che decidono di allenare la forza, se vogliono trarre beneficio da questa metodica, devono farlo da inizio a fine stagione con continuità. Non è possibile pensare che agire bene durante la preparazione estiva sia sufficiente per avere dei benefici nel periodo competitivo invernale. Il calciatore, dopo aver svolto un adeguato programma di training, deve essere in grado di esprimere la sua massima forza nel minor tempo possibile e deve migliorare la velocità con cui esprime la forza, non la forza massimale. Questo concetto consente un’importante riflessione: l’aumento del carico sul bilanciere, per fare un esempio, non è sempre sinonimo di incremento di forza; controllo motorio, tecnica d’esecuzione e scelta degli esercizi sono fondamentali per migliorare la capacità di esprimere forza. L’allenamento in principio consente di reclutare più unità motorie possibili (reclutamento spaziale) nel più breve tempo possibile (reclutamento temporale). La vera “crescita” si ha con il miglioramento della frequenza di scarica degli impulsi del sistema nervoso (fattori nervosi).

Agendo in tal modo i sovraccarichi e la condizione fisiologica del muscolo (idratazione, bassi livelli di tessuto adiposo, potassio, magnesio e sodio) sono determinanti. Per raggiungere questi obiettivi è necessario dedicare più sedute settimanali, anche brevi, al training di forza. Abbiamo visto che la variabile tempo, quindi velocità, è fondamentale: per questo motivo, sedute sul campo e in palestra sono ugualmente importanti. Inoltre, ogni calciatore ha punti forti e deboli, ecco perché la personalizzazione risulta fondamentale ai fini del risultato.

Scopri di più sul numero di novembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

La costruzione dal portiere

Laterali bassi, centrocampisti sull’esterno La prima impostazione prevede una difesa a 3 elementi. Questi salgono a un segnale prestabilito, coi laterali che si abbassano. Gli spazi intermedi sono liberati dai centrocampisti che si allargano in modo da essere occupati dai due difensori di parte. Il portiere ha quindi due opzioni: cercare i laterali bassi oppure […]

Le attivazioni tecnico-tattiche

Passaggio e smarcamento Questa tipologia di warm-up prevede tre varianti come indicato in figura 1; gli obiettivi sono legati a passaggio, controllo della palla e posture corporee. A sinistra si effettuano delle trasmissioni frontali richiedendo semplicemente lo stop e la giocata per poi correre nella fila opposta. Al centro, invece, i giocatori interni si smarcano […]

La visione globale

Il lavoro secondo princìpi di gioco nel settore giovanile: la sua importanza e come agire al meglio per insegnare ai propri giocatori a osservare il contesto di gioco prima di ricevere palla. Programmare l’attività da svolgere con la propria squadra è una condizione necessaria (ma non sufficiente) per offrire ai propri giocatori una valida e […]

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]