La barriera difensiva e offensiva

La barriera difensiva e offensiva

Soluzioni in fase difensiva, ma soprattutto offensiva per utilizzare in modo particolare il “muro” di solito sfruttato unicamente a protezione della propria porta.

Una famosa citazione diceva che “L’attacco è la miglior difesa”. Si tratta di un concetto che, probabilmente, piace a molti tecnici e può fare al caso nostro anche per l’argomento che intendiamo trattare in questo scritto: la barriera. Senza l’intento di volerci sostituire ai mister dei portieri e ai numeri uno, in questo articolo vedremo alcune evoluzioni della barriera difensiva, che si è trasformata da puro dispositivo a protezione della propria porta sui calci piazzati, a soluzione per trovare il gol nei modi più fantasiosi e stravaganti.

Difendiamoci nel migliore dei modi
Sappiamo che la barriera solitamente viene disposta a 9,15 metri dal punto di battuta di un calcio di punizione a sfavore nei pressi della propria porta: statisticamente è una situazione molto ricorrente che, dati alla mano, evidenzia ad oggi tantissime realizzazioni. È chiaro quindi che organizzare la barriera del proprio undici, al netto dell’abilità del calciatore avversario che eseguirà il tiro o il cross, è di vitale importanza.

Tutto questo anche in funzione delle peculiarità del proprio portiere. Ma se dalla nascita del regolamento la disposizione della barriera ha sempre avuto una composizione uniforme a protezione di una porzione della propria porta, oggi ci ritroviamo a far fronte a diverse esigenze, quali le caratteristiche del tiratore avversario, la distanza dalla porta, la visuale del portiere e le peculiarità dei propri uomini.

Scopri di più sul numero di marzo: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Il Tabata nel calcio

Un metodo di allenamento ad alta intensità che prevede fasi di lavoro di 20’’ alternate ad altre di recupero di 10’’, il tutto per 4’ complessivi. Negli ultimi anni la metodologia dell’allenamento nel calcio ha virato decisamente verso la ricerca di una maggiore intensità. Infatti, in sede di training si richiedono numerose accelerazioni, decelerazioni, insieme […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]