Il “ballo” dei centrocampisti

Il “ballo” dei centrocampisti

Il ruolo del centrocampista è di fondamentale importanza nel calcio di oggi e direi anche affascinante per tutta una serie di atteggiamenti che consentono di dare equilibrio alla squadra e diventare un attaccante aggiunto. A seconda del modulo scelto dall’allenatore, vi sono diverse maniere di interpretarlo e sfumature differenti. Lo spazio a centrocampo, dove spesso si decidono le sorti di una partita, può diventare “immenso” da gestire oppure troppo ridotto in base alla dislocazione dei calciatori, ai movimenti che vi avvengono e alla tipologia di gioco che i team vogliono attuare.

Logicamente, quando vi è più campo a disposizione, c’è anche più tempo per trovare soluzioni frutto sempre delle letture del centrocampista stesso. Letture che devono essere veloci e anticipatorie. Inoltre, occupare un determinato spazio in un preciso istante è di primaria importanza nelle situazioni che possono crearsi. La casistica di quelle che si possono verificare, vista la presenza di 22 giocatori schierati secondo vari sistemi, è davvero ampia, per questo ciò che fa la differenza è l’interpretazione dei calciatori, che determinano un comportamento prima individuale e poi collettivo.

Le giuste interazioni
Non bisogna dimenticare alcuni aspetti che possono modificare/condizionare il comportamento del giocatore, dopo aver valutato una delle tante situazioni venutesi a creare.

Situazioni quali:
l’errore appena commesso dal giocatore coinvolto nell’azione;
un gol realizzato o subìto;
un’ammonizione presa;
un fallo importante subìto;
il condizionamento del fattore tempo e la situazione del campo;
la presenza di tifo avversario o amico.

Ve ne sono molte altre che possono creare “coraggio” o disagio e condizionare la prestazione del centrocampista (come per tutti gli altri calciatori) e – come ben sappiamo – le esercitazioni, i gesti tecnici ripetuti in situazioni provate e riprovate in allenamento e ben riuscite, possono cambiare no- tevolmente la sicurezza degli atleti e ciò che succede in gara. Ogni elemento, poi, ha le proprie caratteristiche tecniche, tattiche, atletiche e cognitive, che l’allenatore deve considerare, senza scordare gli aspetti caratteriali: “timidezza”, autostima, coraggio, aggressività, carisma, temperamento, passione, comunicatività, motivazione, concentrazione… devono essere valutate dal tecnico per comprendere a quale tipo di organizzazione affidarsi. Ovviamente, disponendo i calciatori sul terreno di gioco, a 2 o a 3 elementi, è indispensabile dare un equilibrio al reparto, partendo dal presupposto che in ogni elemento vi sono doti che lo contraddistinguono rispetto ad altre: così, andremo a comporre il puzzle del nostro reparto. Tenendo sempre presenti le interazioni che vengono a nascere tra i propri uomini.

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Il Tabata nel calcio

Un metodo di allenamento ad alta intensità che prevede fasi di lavoro di 20’’ alternate ad altre di recupero di 10’’, il tutto per 4’ complessivi. Negli ultimi anni la metodologia dell’allenamento nel calcio ha virato decisamente verso la ricerca di una maggiore intensità. Infatti, in sede di training si richiedono numerose accelerazioni, decelerazioni, insieme […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]