I principi della fase offensiva

I principi della fase offensiva

Spesso ci si imbatte in allenatori che scompongono a dismisura il gioco in tutti gli aspetti che lo compongono ed è così anche per quanto concerne la fase offensiva. Giuseppe Agostini ci propone invece un approccio differente: un percorso che parte dal concetto di smarcamento e dal suo sviluppo, per giungere poi ai princìpi individuali, che però necessitano di una interpretazione personale del giocatore che può avvenire solo grazie alle esperienze vissute dal calciatore, in contesti organizzati pensati appositamente dall’allenatore.

Le capacità e le competenze vanno addestrate sia nel gioco che con il gioco, perché solo attraverso la sua complessità il giocatore evoluto può e deve crescere e sviluppare le competenze atte alla scoperta delle soluzioni ai problemi che gli si pongono dinanzi. Tutti questi aspetti vengono poi inseriti e sviluppati attraverso idee pratiche, ognuna delle quali si propone un obiettivo preciso da raggiungere.

Articoli correlati

La costruzione dal portiere

Laterali bassi, centrocampisti sull’esterno La prima impostazione prevede una difesa a 3 elementi. Questi salgono a un segnale prestabilito, coi laterali che si abbassano. Gli spazi intermedi sono liberati dai centrocampisti che si allargano in modo da essere occupati dai due difensori di parte. Il portiere ha quindi due opzioni: cercare i laterali bassi oppure […]

Le attivazioni tecnico-tattiche

Passaggio e smarcamento Questa tipologia di warm-up prevede tre varianti come indicato in figura 1; gli obiettivi sono legati a passaggio, controllo della palla e posture corporee. A sinistra si effettuano delle trasmissioni frontali richiedendo semplicemente lo stop e la giocata per poi correre nella fila opposta. Al centro, invece, i giocatori interni si smarcano […]

La visione globale

Il lavoro secondo princìpi di gioco nel settore giovanile: la sua importanza e come agire al meglio per insegnare ai propri giocatori a osservare il contesto di gioco prima di ricevere palla. Programmare l’attività da svolgere con la propria squadra è una condizione necessaria (ma non sufficiente) per offrire ai propri giocatori una valida e […]

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]