Giocare con tre attaccanti vicini

Giocare con tre attaccanti vicini

I movimenti, le letture e i princìpi di gioco per mettere in difficoltà le difese avversarie utilizzando un attacco a tre.

L’attaccante moderno rispetto a quanto accadeva in passato, oltre alle abilità realizzative imprescindibili per il ruolo che ricopre, deve essere anche in grado di difendere, di raccordare il gioco a ridosso della linea difensiva avversaria, di agire in spazi stretti, di leggere le dinamiche che si verificano e le situazioni dell’incontro. Questo anche per occupare e attaccare gli spazi favorevoli o liberarne altri per i compagni. Inoltre, deve soprattutto essere abile nell’adattarsi ad agire con qualsiasi sistema anche nella stessa gara, sia in fase offensiva sia in quella difensiva.

Infatti è ormai frequente vedere diverse squadre attuare un sistema per la fase offensiva e uno diverso per quella difensiva oppure cambiare continuamente (soprattutto durante il possesso) il modulo di riferimento tra un momento e l’altro della partita stessa, adottando quello che oggi viene definito sistema fluido, con l’intenzione di non dare riferimenti agli avversari.

Per adeguarsi a questo tipo di calcio “senza posizioni fisse”, i giocatori – nonché gli attaccanti – anche se con caratteristiche diverse, dovranno agire a prescindere dalle posizioni di partenza, secondo dei princìpi tattici che possono variare in base alle idee dell’allenatore. Di seguito, elencheremo alcuni concetti generali che un attaccante deve cercare di applicare indipendentemente dal modulo adottato, ma secondo la situazione che si può presentare. Inoltre, analizzeremo alcune giocate che si possono effettuare con la disposizione di tre punte vicine disposte orizzontalmente.

Scopri di più sul numero di maggio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale.
Per info: serviziolettori@sportivi.it

Articoli correlati

La costruzione dal portiere

Laterali bassi, centrocampisti sull’esterno La prima impostazione prevede una difesa a 3 elementi. Questi salgono a un segnale prestabilito, coi laterali che si abbassano. Gli spazi intermedi sono liberati dai centrocampisti che si allargano in modo da essere occupati dai due difensori di parte. Il portiere ha quindi due opzioni: cercare i laterali bassi oppure […]

Le attivazioni tecnico-tattiche

Passaggio e smarcamento Questa tipologia di warm-up prevede tre varianti come indicato in figura 1; gli obiettivi sono legati a passaggio, controllo della palla e posture corporee. A sinistra si effettuano delle trasmissioni frontali richiedendo semplicemente lo stop e la giocata per poi correre nella fila opposta. Al centro, invece, i giocatori interni si smarcano […]

La visione globale

Il lavoro secondo princìpi di gioco nel settore giovanile: la sua importanza e come agire al meglio per insegnare ai propri giocatori a osservare il contesto di gioco prima di ricevere palla. Programmare l’attività da svolgere con la propria squadra è una condizione necessaria (ma non sufficiente) per offrire ai propri giocatori una valida e […]

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]