Come gestire le transizioni

Come gestire le transizioni

L’attualità nel calcio moderno di questo “momento” del gioco che presuppone intelligenza, lettura delle situazioni e capacità di anticipazione.

La transizione è capire il gioco un attimo prima che accada. E questo attimo fa la differenza”. Sono state date molte definizioni in merito, personalmente semplificherei il discorso parlando della “Capacità di far scattare una sorta di interruttore mentale prima che un’azione tecnico-tattica abbia inizio”.
Si tratta, in pratica, di una specie di levetta nel cervello del giocatore, che immediatamente mette in funzione la capacità di attaccare o difendere. Analizzando le varie fasi di una partita, a tutti i livelli, si nota come cambi improvvisamente il ritmo al mutare del possesso: ciascun giocatore, pertanto, deve assumere, secondo le circostanze e le intenzioni, compiti differenti e “velocità” diverse. Ricordatevi che il calcio non è fatto solo di spazio e tempo, ma quello odierno anche di ritmo. È quindi determinante, ai fini del risultato, saper gestire correttamente il passaggio mentale tra le due fasi o nella stessa fase.

Da quella difensiva alla offensiva il giocatore deve: capire, scegliere, valutare ed eseguire un’azione, intesa come movimento collettivo e cambiamento di ritmo, perché la rapidità legata alla modifica dell’atteggiamento mentale e la scelta della situazione diventano determinanti. Spazi, opzioni dei compagni, zone di campo in cui si riconquista la palla, disposizione sul terreno di gioco degli oppositori e non ultimo il risultato dell’incontro, sono gli aspetti sui quali il giocatore deve focalizzare la sua attenzione. Per quanto concerne il passaggio da quella offensiva alla difensiva, la squadra deve saper leggere e scegliere i corretti comportamenti inerenti alla situazione per riformare il blocco squadra difensivo in modo da: spazi permetterà, quindi, di limitare l’efficacia e circoscrivere il raggio d’azione degli oppositori.

Scopri di più sul numero di ottobre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Il Tabata nel calcio

Un metodo di allenamento ad alta intensità che prevede fasi di lavoro di 20’’ alternate ad altre di recupero di 10’’, il tutto per 4’ complessivi. Negli ultimi anni la metodologia dell’allenamento nel calcio ha virato decisamente verso la ricerca di una maggiore intensità. Infatti, in sede di training si richiedono numerose accelerazioni, decelerazioni, insieme […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]