Agenore Maurizi: 3-5-2 i comportamenti in fase difensiva

Agenore Maurizi: 3-5-2 i comportamenti in fase difensiva

L’autore del quarto libro della collana “I tattici” dal titolo “Il 3-5-2. Princìpi, evoluzioni ed esercitazioni” è stato ospite al Master Prime Squadre organizzato dalla nostra rivista e ha parlato della fase di non possesso di tale organizzazione tattica.

L’allenatore laziale, Agenore Maurizi, che in questa stagione ha guidato il Teramo che militava nel girone B di Lega Pro, portandola al raggiungimento della salvezza, ha illustrato i concetti della fase difensiva del 3-5-2.

Le fondamenta
Il tecnico ha spiegato il suo pensiero partendo dal fatto che il sistema di gioco è una semplice dislocazione dei calciatori in campo e ha una valenza puramente numerica. Nell’evoluzione del gioco durante la partita è difficile vedere esattamente i moduli come appaiono sulla carta, ecco perché ritiene importante lavorare sui princìpi.

Il calcio è codificato e deve tenere conto degli aspetti relativi alla fase di possesso, a quella di non possesso, a cui si ag- giunge la transizione, positiva o negativa, considerata come un adattamento mentale al passaggio da un momento di gioco a un altro. Tale suddivisione, però, deve essere adottata semplicemente per modulare al meglio il lavoro sul campo perché alla fine, come ha ripetuto più volte il tecnico: «Il calcio è un tutt’uno». Inoltre, è necessario prestare attenzione anche ai fondamenti di tecnica applicata e tattica individuale e agli sviluppi di gioco. La perdita e la riconquista della palla sono aspetti altresì importanti e, proprio in relazione a questo, occorre allenarli in maniera assidua.

A tal proposito, il tempo e lo spazio possono diventare i nostri più grandi alleati: bisogna «Guadagnarli nella fase di possesso e ridurli in quella di non possesso». Altro punto da non trascurare è la “distanza” tra quello che pensiamo di proporre e ciò che viene effettivamente svolto in partita: è proprio per questo che l’intervento quotidiano durante la settimana risulta determinante per ridurre al minimo questo gap, attraverso le esercitazioni che vengono scelte.

Scopri di più sul numero di agosto: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Il Tabata nel calcio

Un metodo di allenamento ad alta intensità che prevede fasi di lavoro di 20’’ alternate ad altre di recupero di 10’’, il tutto per 4’ complessivi. Negli ultimi anni la metodologia dell’allenamento nel calcio ha virato decisamente verso la ricerca di una maggiore intensità. Infatti, in sede di training si richiedono numerose accelerazioni, decelerazioni, insieme […]

Core training

Alcune proposte pratiche per migliorare la stabilità e l’efficienza dell’unità centrale del corpo, attraverso il core training. Negli ultimi anni nell’allenamento sportivo è stato introdotto il concetto di core-training. Con il termine “core” si fa riferimento all’unità centrale del sistema corpo, più precisamente alle strutture, costituite dal complesso ossa-legamenti-muscoli, presenti a livello lombare e addominale, […]

Glutei e hamstring sempre in forma

Due distretti muscolari che devono essere allenati in modo corretto per evitare infortuni ed essere pronti a una performance di qualità. La letteratura scientifica spiega che certi gruppi muscolari devono essere allenati in maniera specifica, come per esempio i glutei e gli hamstring (o ischiocrurali). Prendendo come riferimento i dati e le indicazioni a connotazione […]

La navetta australiana

È un test di facile esecuzione per indagare la capacità di ripetere sprint (RSA). Prevede tempi di esecuzione e di recupero fissi, pari a 30’’-35’’. Il risultato è dato dai metri percorsi dal giocatore. Cosa si può imparare dagli altri sport? Direi molto! Nella mia esperienza di preparatore atletico mi sono confrontato con allenatori e […]