Adattiamoci velocemente

Adattiamoci velocemente

Allenamento adulti. Palle inattive
Quando si parla di campionati dilettantistici capita spesso che tra una domenica e l’altra i titolari di una squadra siano differenti. E questo può causare problemi sulle palle inattive, ad esempio nel riconoscimento dei compiti o nel cambio di ruoli. Quindi è necessario trovare le modalità ideali per allenare tutti i giocatori a prescindere dalla posizione che ricoprono in campo.

Nell’allenare situazioni di palla inattiva molte volte viene tralasciata l’analisi di quello che accade nella testa dei giocatori quando si passa dal gioco dinamico a quello statico. Capita, infatti, che i primi approcci con queste situazioni siano di tipo logico, ovvero di preparazione allo schema da eseguire e alla ricerca del timing giusto per affrontare le diverse soluzioni d’attacco.

E tali finalità vengono frequentemente perseguite nel periodo di preparazione, ovvero durante il ritiro estivo, quando vi è più tempo a disposizione. Tempo che nei dilettanti è un grande nemico. Inoltre, capita di tenere poco in esame il fatto che durante una partita ufficiale l’attenzione al continuo succedersi di situazioni diverse e sempre mutevoli porti i calciatori, su una palla ferma, a non farsi trovare pronti per gli “schemi” preparati. Per cercare di risolvere tutti questi problemi (cambio di situazioni, schemi provati non con assidua frequenza nei dilettanti, poco tempo a disposizione) si può lavorare per aumentare le chance di realizzazione o il miglioramento della fase difensiva sull’adattamento situazionale.

Cos’è l’adattamento situazionale?
Come dice la parola stessa, è l’adeguamento (lettura, presa di decisione, capacità di reazione) di un singolo individuo a una situazione che cambia nel regolamento, nei ruoli, nell’aspetto tattico in relazione ai propri compagni di squadra e agli avversari. E non per ultimo, nel differente carico cognitivo, aspetto fondamentale. Vediamo quindi cosa accade nelle due squadre che si affrontano in una palla inattiva (una attacca, l’altra difende).

Scopri di più sul numero di febbraio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

La costruzione dal portiere

Laterali bassi, centrocampisti sull’esterno La prima impostazione prevede una difesa a 3 elementi. Questi salgono a un segnale prestabilito, coi laterali che si abbassano. Gli spazi intermedi sono liberati dai centrocampisti che si allargano in modo da essere occupati dai due difensori di parte. Il portiere ha quindi due opzioni: cercare i laterali bassi oppure […]

Le attivazioni tecnico-tattiche

Passaggio e smarcamento Questa tipologia di warm-up prevede tre varianti come indicato in figura 1; gli obiettivi sono legati a passaggio, controllo della palla e posture corporee. A sinistra si effettuano delle trasmissioni frontali richiedendo semplicemente lo stop e la giocata per poi correre nella fila opposta. Al centro, invece, i giocatori interni si smarcano […]

La visione globale

Il lavoro secondo princìpi di gioco nel settore giovanile: la sua importanza e come agire al meglio per insegnare ai propri giocatori a osservare il contesto di gioco prima di ricevere palla. Programmare l’attività da svolgere con la propria squadra è una condizione necessaria (ma non sufficiente) per offrire ai propri giocatori una valida e […]

Ball mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. All’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi livello, deve essere […]