Marco Baroni: 4-2-3-1, gli sviluppi in fase offensiva

Marco Baroni: 4-2-3-1, gli sviluppi in fase offensiva

Speciale Master 2018 – Prime Squadre
Le soluzioni che si possono adottare con tale sistema in base alle caratteristiche dei propri calciatori. Una serie di movimenti efficaci e l’importanza delle “preventive”.

Marco Baroni, già tecnico tra le varie squadre di Novara e Benevento, con il quale ha raggiunto la massima serie due stagioni or sono, fa il suo esordio al nostro Master esponendo alcuni concetti che ritiene fondamentali per qualsiasi allenatore, prima di addentrarsi nei particolari della fase offensiva del 4-2-3-1. Afferma che un po’ gli manca lo spogliatoio e considererà tutti i corsisti come la sua squadra!

Anche questa è una forma di “allenamento” per il mister, perché confrontarsi, parlare, mettersi alla prova significa senza dubbio arricchirsi. E poi bisogna essere critici, soprattutto con se stessi, andando a cercare quei piccoli errori che sicuramente sono stati commessi e immaginando le soluzioni per evitarli in futuro.

Prosegue il suo discorso evidenziando l’importanza della sensibilità dell’allenatore, che deve intuire rapidamente le caratteristiche dei propri giocatori e trovare la modalità di gioco più consona a loro. Infatti, uomini diversi possono dare connotazioni differenti allo stesso sistema di gioco. A lui è successo proprio così: ha utilizzato un 4-2-3-1 che puntava sulle verticalizzazioni immediate per attaccanti fisici e di corsa (a Novara) e uno in cui i quattro offensivi erano brevilinei palleggiatori, giocatori dotati di grande tecnica e spunto nel breve (a Benevento). Il sistema era il medesimo numericamente parlando, ma i princìpi diametralmente opposti.

I video
Non mentono mai! Mister Baroni crede tantissimo nella loro efficacia, perché il rivedersi è fondamentale per i calciatori. Ti tolgono i dubbi: se hai sbagliato una scalata o un posizionamento, non si “scappa”.

Scopri di più sul numero di settembre: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Articoli correlati

Ball Mastery, il dominio della palla

Quanto conta per un giocatore avere una padronanza assoluta nella gestione del pallone. La tecnica di ball mastery e le strutture da utilizzare. Sullo scorso numero, all’interno dello speciale “Settore Giovanile” avevo iniziato a trattare l’argomento relativo al “dominio” del pallone nell’articolo “Diamo del ‘tu’ alla palla”. La maestria nel gestire l’attrezzo, infatti, a qualsiasi […]

Il Tabata nel calcio

Un metodo di allenamento ad alta intensità che prevede fasi di lavoro di 20’’ alternate ad altre di recupero di 10’’, il tutto per 4’ complessivi. Negli ultimi anni la metodologia dell’allenamento nel calcio ha virato decisamente verso la ricerca di una maggiore intensità. Infatti, in sede di training si richiedono numerose accelerazioni, decelerazioni, insieme […]

Una preparazione precampionato su misura

L’importanza di organizzare il proprio piano operativo per la preparazione precampionato considerando il numero di allenamenti, gli obiettivi e… il carico. Tutto ciò che dovete sapere. Il periodo della preparazione precampionato è molto delicato e affidarsi solo a guide uguali per tutti non sempre è la scelta giusta. Infatti, schemi e tabelle che “vanno bene […]

Preparazione precampionato: la nostra proposta

Due piani di lavoro di 10 e 15 giorni con gli obiettivi da perseguire e le esercitazioni consigliate per ogni finalità. I presupposti operativi di ogni programma, costruiti per le squadre dilettanti al fine di approcciare al meglio questa delicata fase della stagione. Una preparazione precampionato per 10 giorni Una preparazione precampionato per 15 giorni […]