Pazienza, obiettivi e gioco

Pazienza, obiettivi e gioco

Psicologia
Le modalità educative, l’arte di saper aspettare senza fretta e una didattica su misura: sono numerosi gli aspetti che un istruttore deve considerare per ottenere il massimo dai piccoli giocatori.

Aristotele diceva “l’etica è un modo per raggiungere una vita buona e felice” e per quanto questa definizione risalga al 300 a.C. è tanto moderna che può presa come punto di partenza anche per una riflessione sulla filosofia alla base dei settori giovanili. Le problematiche crescenti e di maggiore complessità rispetto al passato della popolazione giovanile italiana e il dato di fatto che la partecipazione ai corsi di sport è in pratica l’unica opportunità motoria per i bambini, stanno creando una serie di conseguenze che si manifestano anche nel lavoro quotidiano delle società di calcio. Il contesto sportivo non è più soltanto il luogo del divertimento e dell’agonismo, ma, grazie a un accumulo formidabile di responsabilità formative in passato diversamente distribuite, è da considerare una vera e propria agenzia educativa di supporto alla famiglia.

Scopri di più sul numero di gennaio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

Articoli correlati

Allenate la percezione

Perché è importante andare oltre al “giocatore pensante”. La percezione delle informazioni, la lettura corretta di queste e l’attuazione di comportamenti efficaci e funzionali al contesto di gioco Sovente l’obiettivo dichiarato da numerosi allenatori e responsabili di settore giovanile è quello di formare “giocatori pensanti”. Se ogni calciatore, però, durante una partita dovesse pensare all’azione […]

Tutto sulla marcatura

Una capacità, talvolta trascurata nel settore giovanile, che va assolutamente allenata. Le proposte pratiche, il duello e il marcamento di un calciatore senza palla. È ormai ben chiaro che le abilità tecniche non siano l’unica componente che determina la prestazione del calciatore. Al fianco di calciatori come Neymar, Coutinho, Messi e Ronaldo, per citare alcuni […]

Il gioco è il miglior maestro

Perché insegnare i princìpi di gioco in luogo di schemi ripetitivi coi giovani. L’importanza di saper scegliere. Mi è capitato recentemente di ascoltare un noto allenatore affermare che i ragazzi fino a 16 anni non devono fare tattica, ma soltanto tecnica; un altro sosteneva che alcuni mister di settore giovanile dovrebbero essere allontanati dal campo […]

Diamo del tu alla palla

Il dominio del pallone è uno degli obiettivi che qualsiasi allenatore deve avere coi bambini più piccoli.Le proposte di base. A Dortmund deve esserci qualcosa di particolare nell’aria, magari nel cibo o forse sono semplicemente fortunati a estrarre continuamente il numero vincente della lotteria. Sven Misliant – da poco accasatosi a Londra, sponda Arsenal – […]