Fatica: cosa fare?

Fatica: cosa fare?

Il terzo libro della collana Gli Indispensabili di Scienza&Sport LA FATICA NEL CALCIO analizza il tema della fatica. Scritto da Ermanno Rampinini, nostra storica firma ed esperto di allenamento fisico con numerose pubblicazioni internazionali, nonché uomo di campo, tratta tutto ciò che il preparatore e l’allenatore devono conoscere su questo argomento, strategie preventive e soluzioni pratiche comprese.

Chi meglio di Ermanno Rampinini, direttore dell’Human Performance Lab del MAPEI Sport Research Centre, poteva spiegare in modo scientifico, ma anche molto pratico cos’è la fatica e come il calciatore può gestirla al meglio per avere prestazioni ottimali? Per comprendere appieno i contenuti di questo libro ci siamo rivolti direttamente all’autore, che è entrato nei particolari del suo volume.

 

Ermanno, quali sono i contenuti del libro?

«Ho cercato di analizzare il fenomeno della fatica, che è complesso e multifattoriale. Si parte da un inquadramento generale fino ad arrivare alla definizione degli aspetti specifici legati a ciò che avviene nel calcio. Ho cercato di offrire diversi spunti pratici per contrastare o prevenire l’insorgenza della fatica, che può avere importanti ripercussioni negative sulla performance dei calciatori.»

Ci sono varie tipologie di fatica, giusto?
«Sì, nel calcio è possibile distinguere alcune tipologie di fatica che possono essere definite in base a elementi diversi. Ad esempio, nel corso di una gara è possibile parlare di fatica temporanea o di fatica delle fasi finali. Può essere anche di tipo permanente – in altre parole è presente pure nelle ore o nei giorni successivi a un incontro – e può avere un’origine centrale o periferica. Nel primo caso è principalmente a carico del sistema nervoso centrale, nel secondo di quello muscolare. Infine, non bisogna dimenticare che sempre più osservazioni sul campo ed evidenze scientifiche suggeriscono la presenza di una fatica di tipo mentale, probabilmente legata all’elevato carico cognitivo che i giocatori devono sostenere negli allenamenti e nelle competizioni.»

L’intervista completa su Il Nuovo Calcio di marzo: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

Articoli correlati

Torniamo a dribblare

Prima di entrare negli argomenti “forti” di questo numero, concedetemi di fare gli auguri per il suo 31esimo compleanno a… Il Nuovo Calcio. Il mese di febbraio del 1991 è stato quello che ha visto la nascita della nostra rivista, che nel corso di questi anni ha attraversato le varie burrasche del mondo dell’editoria, cercando […]

Accade a novembre

Italia-Svizzera del prossimo 12 novembre non sarà decisiva, ma… ci giochiamo molto. Sarà una sorta di dentro-fuori per evitare la noiosa appendice dei play-off. Un’appendice che nasconde sempre delle insidie, lo sappiamo bene. Certamente, a Roma partiamo da favoriti, inutile negarlo. Veniamo dalla vittoria dell’Europeo, dalle convincenti prestazioni della Nations League, scendiamo in campo all’Olimpico, […]

Il calcio di tutti

La Champions è ormai entrata nel vivo e a questa manifestazione abbiamo pensato di dedicare la copertina. I primi due turni dei gironi sono stati disputati, in questo mese di ottobre vi sarà il classico giro di boa che chiarirà alquanto le gerarchie. Certo, l’ultima squadra che ha conquistato la manifestazione “a sorpresa” è stato […]

Orgogliosi di essere italiani

Ecco in anteprima l’editoriale del direttore Ferretto Ferretti pubblicato sul prossimo numero de Il Nuovo Calcio, in edicola e online a partire dai primi giorni di settembre. La Serie A è ripartita da poco e a lei abbiamo dedicato la nostra copertina. Una copertina insolita, non la classica foto, ma le “caricature” dei 20 allenatori […]