Perché?

Perché?

Pellissier attacca Ventura. E traccia il quadro di una persona che sembra essere in confusione: appena arrivato, poco dopo la firma, l’allenatore voleva abbandonare la squadra. Quasi difficile da credere, se non fosse che certe dichiarazioni fanno il giro delle redazioni e finiscono per forza in bella evidenza sui giornali.

Ma non è solo di Ventura che vogliamo parlare, vogliamo provare a fare un discorso più ampio. Coinvolgendo Cesare Prandelli, che dopo la sconfitta in Brasile con l’Uruguay non è più riuscito a ottenere i brillanti risultati che lo avevano portato sulla panchina della Nazionale.

La domanda che ci siamo posti è questa: cosa accade all’allenatore reduce da risultati non all’altezza con la Nazionale? Un collaboratore dell’ex della Fiorentina un giorno mi disse: “Lippi ci aveva spiegato che in azzurro ci sono periodi di calma e momenti di grande stress… Che si raggiunge un livello inimmaginabile fino a quando non lo si prova”. Quindi?

Dopo l’eliminazione patita con Costarica e Uruguay, Prandelli ha allenato Galatasaray, Valencia e Al-Nasr collezionando adii senza rimpianti. Quanto, invece, è accaduto a Ventura dopo l’onta subita con la Svezia è sotto gli occhi di tutti.

Perché? Perché una carriera finisce in fumo? Non può essere solo colpa di televisioni, giornali e tifosi che vanno giù pesanti. Cosa accade all’uomo e al professionista: perde consapevolezza delle proprie qualità, della propria bravura? Oppure cosa… Difficile capirlo, perché la domanda diretta agli interessati non è mai stata posta.

Ma la curiosità ci assale, perché i risultati sono sotto gli occhi di tutti!

Articoli correlati

Game over?

E adesso? Si blocca tutto o si attende ancora? L’Uefa tergiversa, le federazioni più importanti del Vecchio Continente, con l’Italia in testa, vorrebbero lo stop delle Coppe e un rinvio, inizialmente di qualche giorno dell’Europeo. E il buon senso cosa dice? Che la situazione è grave, anomala, al momento ingovernabile, che previsioni ottimistiche sui tempi […]

Lazio che sorpresa!

La vera rivelazione di questa stagione 2019-20: un gioco spumeggiante, interpreti di qualità e un attaccante che sta segnando con una continuità impressionante. E dietro, un progetto ben orchestrato da Inzaghi, Tare e Lotito.

Juve prima, ma ora che accade?

La Juventus ha vinto 2-0. Lo ha fatto con merito, giocando un secondo tempo migliore di quanto abbia fatto l’Inter, che aveva concluso in crescendo la prima parte di gara. Ora la squadra di Sarri è prima, con un punto in più della Lazio e nove sull’Inter. Fin qui il calcio. Se volete aggiungiamo anche […]