Mah…

Il titolo rispecchia in toto lo stato d’animo. L’Italia in Portogallo gioca male, non tira in porta e fortunatamente perde 1-0, perché la lezione poteva essere molto molto più severa.

Sembrerà banale, ma se non tira non si segna e, se prendi gol (ma in tre occasioni abbiano rischiato che andasse peggio) le partite possono solo finire così. Il 4-4-2 e gli aggiustamenti successivi non hanno funzionato, ma a questo punto, visti gli errori individuali commessi dai calciatori, diventa difficile incolpare il selezionatore.

Escluso Balotelli infortunato, ma accusato da più parti di non essere un attaccante da maglia azzurra, ci siamo affidati a Immobile e Zaza, ma anche le due punte scelte per Lisbona non hanno inciso. A centrocampo Jorginho ha patito l’assenza di Allan (che essendo brasiliano con l’Italia non può giocare), mentre Cristante ha patito la posizione (diversa rispetto a quella che Gasperini gli aveva cucito all’Atalanta).

E potremmo continuare ancora per un po’, fino a scrivere la verità: l’unico top player che abbiamo era in panchina, aveva la camicia bianca e non poteva entrare, perché fa l’allenatore.

Articoli correlati

Torniamo a dribblare

Prima di entrare negli argomenti “forti” di questo numero, concedetemi di fare gli auguri per il suo 31esimo compleanno a… Il Nuovo Calcio. Il mese di febbraio del 1991 è stato quello che ha visto la nascita della nostra rivista, che nel corso di questi anni ha attraversato le varie burrasche del mondo dell’editoria, cercando […]

Accade a novembre

Italia-Svizzera del prossimo 12 novembre non sarà decisiva, ma… ci giochiamo molto. Sarà una sorta di dentro-fuori per evitare la noiosa appendice dei play-off. Un’appendice che nasconde sempre delle insidie, lo sappiamo bene. Certamente, a Roma partiamo da favoriti, inutile negarlo. Veniamo dalla vittoria dell’Europeo, dalle convincenti prestazioni della Nations League, scendiamo in campo all’Olimpico, […]

Il calcio di tutti

La Champions è ormai entrata nel vivo e a questa manifestazione abbiamo pensato di dedicare la copertina. I primi due turni dei gironi sono stati disputati, in questo mese di ottobre vi sarà il classico giro di boa che chiarirà alquanto le gerarchie. Certo, l’ultima squadra che ha conquistato la manifestazione “a sorpresa” è stato […]

Orgogliosi di essere italiani

Ecco in anteprima l’editoriale del direttore Ferretto Ferretti pubblicato sul prossimo numero de Il Nuovo Calcio, in edicola e online a partire dai primi giorni di settembre. La Serie A è ripartita da poco e a lei abbiamo dedicato la nostra copertina. Una copertina insolita, non la classica foto, ma le “caricature” dei 20 allenatori […]