Italia, buona la prima

Italia, buona la prima

Abbiamo vinto. Battuto 2-0 la Finlandia. Tre punti per la classifica del nostro girone di qualificazione all’Europeo itinerante dell’anno prossimo. Abbiamo vinto una partita che poteva complicarsi, perché i nostri avversari sono scesi in campo per lo 0-0, con cinque difensori e poca voglia di aprirsi.

Roberto Mancini, l’aveva detto: questa doveva essere la squadra del talento, quella che vuole fare la partita, che vuole giocare e costruire palle-gol. Un manifesto ambizioso, certo, ma giusto esserlo quando sei l’Italia. La Nazionale che per anni, non gli ultimi, ha ottenuto grandi risultati.

Un centrocampo con Barella, Jorginho e Verratti; Bernardeschi, Immobile e Kean a formare l’attacco; Biraghi a spingere a sinistra, Piccini sulla destra, due difensori di ruolo, con Bonucci, però, che ama giocare la palla. Questa è l’Italia di Mancini, nella quale non c’erano Insigne e Chiesa infortunati, Belotti e Cutrone non del tutto adatti al gioco del mister e Balotelli in attesa di riabilitazione.

Quando giocava, Mancini era sogno, poesia, come toccava la palla il “Mancio” la toccavano in pochi. Ora, dopo anni nei quali le sue squadre non hanno sempre giocato in modo strabiliante, sembra essersi convinto a voltare pagina: squadra che pressa alto, che vuole recuperare subito la palla, che non vuol lasciar rifiatare l’avversario. Questi gli intendimenti e questo quanto si è visto per 40’ del primo tempo, prima che nella ripresa qualche sbavatura facesse tremare Donnarumma. Poi la volontà di raddoppiare e di chiuderla. Hanno segnato Barella e Kean (il secondo più giovane nella storia della nostra Nazionale), due che l’azzurro lo vestiranno ancora per tanti, tanti anni.

Articoli correlati

Torniamo a dribblare

Prima di entrare negli argomenti “forti” di questo numero, concedetemi di fare gli auguri per il suo 31esimo compleanno a… Il Nuovo Calcio. Il mese di febbraio del 1991 è stato quello che ha visto la nascita della nostra rivista, che nel corso di questi anni ha attraversato le varie burrasche del mondo dell’editoria, cercando […]

Accade a novembre

Italia-Svizzera del prossimo 12 novembre non sarà decisiva, ma… ci giochiamo molto. Sarà una sorta di dentro-fuori per evitare la noiosa appendice dei play-off. Un’appendice che nasconde sempre delle insidie, lo sappiamo bene. Certamente, a Roma partiamo da favoriti, inutile negarlo. Veniamo dalla vittoria dell’Europeo, dalle convincenti prestazioni della Nations League, scendiamo in campo all’Olimpico, […]

Il calcio di tutti

La Champions è ormai entrata nel vivo e a questa manifestazione abbiamo pensato di dedicare la copertina. I primi due turni dei gironi sono stati disputati, in questo mese di ottobre vi sarà il classico giro di boa che chiarirà alquanto le gerarchie. Certo, l’ultima squadra che ha conquistato la manifestazione “a sorpresa” è stato […]

Orgogliosi di essere italiani

Ecco in anteprima l’editoriale del direttore Ferretto Ferretti pubblicato sul prossimo numero de Il Nuovo Calcio, in edicola e online a partire dai primi giorni di settembre. La Serie A è ripartita da poco e a lei abbiamo dedicato la nostra copertina. Una copertina insolita, non la classica foto, ma le “caricature” dei 20 allenatori […]